Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Giurisprudenza
GIURISPRUDENZA
Insegnamento
DIRITTO COSTITUZIONALE
GI02101938, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 5 anni in
GIURISPRUDENZA
GI2373, ordinamento 2017/18, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CONSTITUTIONAL LAW
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Diritto Pubblico, Internazionale e Comunitario
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede TREVISO
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile ENRICO MINNEI IUS/09

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
BASE Costituzionalistico IUS/08 3.0
BASE Costituzionalistico IUS/09 6.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 72 153.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 25/09/2017
Fine attività didattiche 12/01/2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
1 A.A. 2017/18 sede di Treviso 02/10/2017 30/09/2018 MINNEI ENRICO (Presidente)
PAGLIARIN CAROLA (Membro Effettivo)
SCHIAVANO MARIA LUISA (Membro Effettivo)
BERGONZINI GIUSEPPE (Supplente)
BERTOLISSI GIACOMO (Supplente)
BRUSATIN GIOVANNI (Supplente)
MUTTONI SILVIA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Si richiede l'aggiornamento costante alle più significative vicende che riguardano le istituzioni pubbliche.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Scopo del corso è quello di fornire gli strumenti teorici e metodologici per imparare ad analizzare con spirito critico il fondamento e la struttura dello Stato e i rapporti fra gli organi costituzionali; fra Stato centrale ed enti locali; fra istituzioni e cittadini amministrati, fra Stato ed organismi sovranazionali, europei ed internazionali.
Particolare attenzione sarà dedicata al sistema delle fonti, ai relativi criteri di sistemazione, nonché alla teoria dell'interpretazione e al ruolo della Corte costituzionale, il tutto rappresentato attraverso la comparazione fra il punto di vista normativistico e quello istituzionalistico.
Acquisite le conoscenze teoriche di base, si analizzeranno le questioni offrendo concrete ipotesi risolutive, muovendo, anche in un'ottica comparativa, dall'esperienza giuridica e dal condizionamento delle dinamiche storiche, sociali ed economiche.
Modalita' di esame: A scelta dello studente, prova orale o prova scritta. La prima modalità consiste in un colloquio sui temi del corso. La seconda modalità in tre domande aperte da svolgere in due ore; per superare l'esame tutte e tre le risposte dovranno essere sufficienti.
Criteri di valutazione: Conoscenza della Costituzione; conoscenza delle altre fonti normative citate nel testo (in particolare, le disposizioni della l. n. 400/1988 e della l. n. 241/1990); capacità di analisi critica dei temi proposti e di offrire concrete ipotesi di soluzione dei casi; capacità di collegamento fra i vari temi d'esame; partecipazione attiva alle lezioni o alle altre occasioni di incontro organizzate dentro o fuori l'Università; aggiornamento all'attualità istituzionale, attraverso il ricorso ai mezzi di informazione (giornali, tv, internet, ...); uso corretto della lingua italiana (parlata e scritta).
Contenuti: Fondamento e struttura della Repubblica; rapporti fra gli organi costituzionali, fra Stato centrale, Regione ed enti locali; fra istituzioni e cittadini amministrati; fra Stato ed organismi sovranazionali, europei ed internazionali.
Fonti del diritto, relativi criteri di sistemazione, criteri di interpretazione.
Corte costituzionale.
Principi di diritto amministrativo sostanziale e processuale.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali con espressa richiesta di partecipazione attiva da parte degli studenti.
Seminari su temi particolari, anche su richiesta degi studenti.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Oltre al manuale di studio consigliato, saranno indicati di volta in volta, nel corso delle lezioni, testi di approfondimento.
In ogni caso, è' sempre auspicata la comparazione critica con manuali diversi rispetto a quello di adozione.
Testi di riferimento:
  • Roberto Bin - Giovanni Pitruzzella, Diritto pubblico. Torino: Giappichelli, --. ultima edizione Cerca nel catalogo