Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Psicologia
PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA
Insegnamento
PSICODIAGNOSTICA CLINICA
PSN1032241, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
PSICOLOGIA CLINICO-DINAMICA (Ord. 2017)
PS1088, ordinamento 2017/18, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CLINICAL PSYCHODIAGNOSTICS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARIA ARMEZZANI M-PSI/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Psicologia dinamica e clinica M-PSI/07 9.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
LEZIONE 9.0 63 162.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 2017/18 01/10/2017 30/11/2018 ARMEZZANI MARIA (Presidente)
BERTI ANNA EMILIA (Membro Effettivo)
PADUANELLO MATTEO (Membro Effettivo)
3 2016/17 01/10/2016 30/11/2017 ARMEZZANI MARIA (Presidente)
BERTI ANNA EMILIA (Membro Effettivo)
PADUANELLO MATTEO (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Conoscenza delle basi fondamentali della Psicologia clinica, della Psicopatologia e della Psicometria
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di offrire le conoscenze teoriche e metodologiche necessarie per l’ uso di alcuni stumenti diagnostici che trovano applicazione in campo clinico. Per questo obiettivo gli strumenti saranno presentati evidenziando i legami necessari che collegano le concezioni epistemologiche e teoriche, l’ideazione e la costruzione degli strumenti, i criteri di interpretazione e la particolare relazione che si stabilisce tra esaminatore e esaminato. In riferimento alle teorie psicodinamiche saranno prese in considerazione le tecniche proiettive, con particolare attenzione al metodo Rorschach; in riferimento alle teorie costruttiviste saranno esaminate la griglia di repertorio kelliana e l’autocaratterizzazione. La presentazione degli strumenti e dei relativi sistemi di lettura valorizza, inoltre, il più ampio processo diagnostico in cui essi trovano posto durante il lavoro clinico.
In relazione a questi obiettivi didattici, per il superamento della prova di profitto, lo studente dovrà dimostrare non soltanto la capacità di utilizzare correttamente gli strumenti presentati, ma anche conoscenze e competenze che gli permettano di orientarsi nella scelta degli stessi e nell’esame critico dei risultati.
Modalita' di esame: Esame scritto.
La prova consiste in:
-una domanda aperta in cui lo studente dovrà dimostrare di conoscere e saper rielaborare in modo personale i contenuti del corso
-la presentazione di un protocollo per l'elaborazione di un profilo diagnostico. In questa seconda parte lo studente potrà scegliere se siglare e interpretare un protocollo Rorschach o analizzare le griglie e l'autocaratterizzazione.
Criteri di valutazione: -verifica delle conoscenze teoriche e metodologiche
-verifica delle abilità nello scoring e nell'interpretazione degli strumenti diagnostici
-valutazione delle capacità critiche e riflessive
-valutazione delle capacità di rielaborare personalmente le conoscenze
-valutazione della pertinenza delle risposte alle domande proposte
-valutazione della capacità di documentare e argomentare le proprie affermazioni
-valutazione della chiarezza espressiva e della capacità di sintesi
Contenuti: -La diagnosi in psicologia clinica
-I diversi approcci alla diagnosi clinica: tra oggettività e interpretazione
-I livelli della diagnosi: diagnosi nosografica, psicopatologica e psicodinamica
-Il ruolo degli strumenti nel processo diagnostico
-La dimensione psicodinamica della diagnosi
-Le teorie psicodinamiche e i metodi proiettivi
- Il test di Rorschach: origini storiche, modalità di somministrazione, sistemi di siglatura delle risposte.
-Il sistema di siglatura europeo. Classificazione delle risposte, tabulazione dei dati, criteri di interpretazione psicodiagnostica.
-Teorie costruttiviste e tecniche ermeneutiche. La "diagnosi transitiva".
- Applicazione e criteri d'uso delle tecniche costruttiviste per l'indagine dei significati personali.
- L'autocaratterizzazione e le griglie di repertorio kelliane. Analisi computerizzata dei protocolli e tecniche di lettura.
-Confronti e possibili criteri di scelta degli strumenti diagnostici
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Le lezioni si articolano in momenti teorici e momenti applicativi. I criteri di somministrazione e di interpretazione delle tecniche saranno esemplificati attraverso la presentazione di casi clinici e verificati attraverso esercitazioni e esperienze pratiche guidate.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • Stanghellini G., Rossi Monti M., Psicologia del patologico. Milano: Cortina, 2009. Cerca nel catalogo
  • Passi Tognazzo D., Il metodo Rorschach. Manuale di psicodiagnostica su modelli di matrice europea. Firenze: Giunti, 1994. Cerca nel catalogo
  • Armezzani M, Grimaldi F., Pezzullo L., Tecniche costruttiviste per la diagnosi psicologica. Milano: Mcgraw-hill, --. Cerca nel catalogo