Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
LETTERE E FILOSOFIA
FILOSOFIA
Insegnamento
STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE
LE11108368, A.A. 2011/12

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2011/12

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
FILOSOFIA
LE0599, ordinamento 2008/09, A.A. 2011/12
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF MEDIAEVAL PHILOSOPHY
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIOVANNI CATAPANO M-FIL/08

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE09108368 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE GIOVANNI CATAPANO LE0598

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline filosofiche M-FIL/08 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso A scelta dello studente

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 05/03/2012
Fine attività didattiche 16/06/2012
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2008

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 commissioni a.a. 2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
MARTINI CECILIA (Membro Effettivo)
CREPALDI MARIA GRAZIA (Supplente)
MORO ENRICO (Supplente)
6 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE 2016/2017 01/10/2016 30/11/2017 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
MARTINI CECILIA (Membro Effettivo)
CREPALDI MARIA GRAZIA (Supplente)
MORO ENRICO (Supplente)
SALIS RITA MARIA GAVINA (Supplente)
5 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE 2014/2015 01/10/2014 30/09/2015 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
CREPALDI MARIA GRAZIA (Membro Effettivo)
MARTINI CECILIA (Supplente)
3 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE 01/10/2015 30/11/2016 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
CREPALDI MARIA GRAZIA (Membro Effettivo)
D'ALESSANDRO MASSIMILIANO (Supplente)
MARTINI CECILIA (Supplente)
MORO ENRICO (Supplente)
2 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE 2013/2014 01/10/2013 07/11/2014 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
BOTTIN FRANCESCO (Membro Effettivo)
MARTINI CECILIA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Nessun prerequisito particolare è richiesto. È utile la conoscenza della lingua latina.
Risultati di apprendimento previsti: Gli obiettivi formativi di questo insegnamento sono tre:

(1) conoscere i lineamenti essenziali dello sviluppo del pensiero medievale, specialmente di lingua latina, dalle premesse tardo-antiche sino al XIV secolo;

(2) saper analizzare un classico del pensiero medievale (quest’anno: il "Proslogion" di Anselmo d’Aosta);

(3) approfondire monograficamente un tema del pensiero medievale (quest’anno: il concetto di "beatitudo" nella "Summa theologiae" di Tommaso d’Aquino).

Per gli studenti che sostengono l’esame per 6 crediti (42 ore), valgono soltanto gli obiettivi (1) e (2).
Contenuti: In corrispondenza ai tre obiettivi formativi sopra distinti, il contenuto didattico sarà il seguente:

(1) 32 ore di presentazione delle figure e dei momenti principali della filosofia medievale, soprattutto di lingua latina, con lettura di brevi testi scelti;

(2) 10 ore di analisi del "Proslogion" di Anselmo d’Aosta;

(3) 21 ore di esame del trattato sulla "beatitudo" nella "Summa theologiae" di Tommaso d’Aquino (I-II, qu. 1-5).

Per gli studenti che sostengono l’esame per 6 crediti (42 ore), valgono soltanto i punti (1) e (2).
Programma: (1) I lineamenti di storia della filosofia medievale (latina) includono grosso modo i seguenti argomenti: Agostino d'Ippona, Severino Boezio, Giovanni Scoto Eriugena, Anselmo d'Aosta, Pietro Abelardo, platonismi e scuole nel XII secolo, le traduzioni in latino delle opere di Aristotele e la mediazione araba, la filosofia nelle università, Tommaso d'Aquino, Giovanni Duns Scoto, Meister Eckhart, Guglielmo di Ockham. I passi degli autori saranno presentati in traduzione italiana. Si segnala, per la sua utilità, l'antologia a cura di M. BETTETINI, L. BIANCHI, C. MARMO, P. PORRO, Filosofia medievale, Milano: Raffaello Cortina Editore, 2004.

(2) Il "Proslogion" di Anselmo d'Aosta contiene una delle più celebri e discusse prove dell'esistenza di Dio. L'argomento elaborato da Anselmo sarà analizzato nel contesto dell'opera, insieme con le obiezioni di Gaunilone e la replica di Anselmo.

(3) Le cinque "quaestiones" iniziali con cui si apre la "prima secundae" (ossia la prima delle due parti in cui si divide la "Summa theologiae" di Tommaso d'Aquino) costituiscono un organico trattato sulla felicità ("beatitudo"), dove sono affrontati i seguenti temi: il fine ultimo dell'uomo; le realtà in cui consiste la felicità umana; l'essenza della felicità; le realtà richieste per essere felici; il conseguimento della felicità. Le soluzioni che Tommaso fornisce ai problemi connessi a tali tematiche verranno studiate sia nella loro struttura argomentativa sia nei rapporti che esse intrattengono con la tradizione filosofica e teologica precedente.

Per gli studenti che sostengono l’esame per 6 crediti (42 ore), valgono soltanto i punti (1) e (2).
Testi di riferimento: M. FUMAGALLI BEONIO BROCCHIERI e R. FEDRIGA (a cura di), Luoghi e voci del pensiero medievale. Milano: Encyclomedia Publishers, 2010. pp. 6-244 (Manuale)
ANSELMO D'AOSTA, Proslogion, Con la difesa dell’insipiente da parte di Gaunilone e la risposta di Anselmo. Milano: BUR, 2007. A cura di L. Pozzi
TOMMASO D'AQUINO, La felicità: Summa theologiae, I-II, questioni 1a-5a, Testo latino a fronte. Milano: Bompiani, 2010. Introduzione, traduzione, note e apparati di U. Galeazzi
Note ai testi di riferimento: Gli studenti che conoscono bene la lingua inglese possono sostituire il manuale italiano con il seguente: J. MARENBON, Medieval Philosophy, London and New York: Routledge, 2007.
Metodi didattici: Il metodo didattico prevalente sarà la lezione frontale.
Metodi di valutazione: La verifica dell'apprendimento avverrà con l'esame finale, il quale consisterà in un colloquio individuale della durata di circa 30 (trenta) minuti.
Altro: Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite dal docente durante lo svolgimento del corso. Gli studenti non frequentanti troveranno gli eventuali aggiornamenti on-line nella pagina personale del docente.