Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
LETTERE E FILOSOFIA
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
Insegnamento
ETRUSCOLOGIA
LEL1000439, A.A. 2012/13

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2012/13

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE ARCHEOLOGICHE (Ord. 2012)
LE0616, ordinamento 2012/13, A.A. 2012/13
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ETRUSCAN STUDIES
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIUSEPPE SASSATELLI
Altri docenti GIULIA MORPURGO

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LEL1000439 ETRUSCOLOGIA GIUSEPPE SASSATELLI LE0612
LEL1000439 ETRUSCOLOGIA GIUSEPPE SASSATELLI LE0616

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative L-ANT/06 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso A scelta dello studente
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 04/03/2013
Fine attività didattiche 15/06/2013
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
10 ex Sassatelli 2019 01/12/2019 30/11/2020 PALTINERI SILVIA (Presidente)
CUPITO' MICHELE (Membro Effettivo)
9 ex Sassatelli 01/12/2018 30/11/2019 PALTINERI SILVIA (Presidente)
CUPITO' MICHELE (Membro Effettivo)
8 ex Sassatelli 01/10/2017 30/11/2018 PALTINERI SILVIA (Presidente)
CUPITO' MICHELE (Membro Effettivo)
7 2016/17 01/10/2016 30/11/2017 SASSATELLI GIUSEPPE (Presidente)
MORPURGO GIULIA (Membro Effettivo)
6 2015/16 01/10/2015 30/11/2016 SASSATELLI GIUSEPPE (Presidente)
MORPURGO GIULIA (Membro Effettivo)
3 commissione 01/10/2013 30/09/2014 SASSATELLI GIUSEPPE (Presidente)
MORPURGO GIULIA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti:
Risultati di apprendimento previsti: Il corso mira allo studio e alla valorizzazione del quadro topografico, economico e culturale dell'Etruria e allo studio approfondito di alcuni aspetti della civiltà etrusca, esaminata anche nella sua diffusione al di fuori dell'Etruria tirrenica e nello specifico nella valle padana. Il corso si propone altresì di valorizzare la portata storica e il significato culturale dell'Etruria padana, affrontando anche le relazioni commerciali e culturali con i popoli dell'Italia settentrionale ed in particolare con il mondo venetico. Lo studente al termine del corso è in grado di conoscere in modo approfondito i diversi ambiti della civiltà etrusca e del mondo italico preromano con particolare riguardo agli aspetti culturali, artistici e storici.
Contenuti: Il corso comprende una prima parte di introduzione a tutti i principali aspetti della disciplina ed una seconda parte nella quale sono affrontati alcuni aspetti legati più nello specifico alla presenza etrusca in area padana.
Programma: A. Prima parte:

INTRODUZIONE ALL'ETRUSCOLOGIA
La storia della disciplina: la scoperta degli Etruschi tra archeologia, antiquaria e politica. L'Etruria e l'Italia antica tra Età del Bronzo ed Età del Ferro: il passaggio dalla fase protovillanoviana alla fase villanoviana. Le trasformazioni del popolamento, la nascita dei grandi centri proto-urbani e la “formazione” dell'ethnos etrusco. L'Italia della prima Età del Ferro: culture, lingue e popoli dell'Italia preromana. Gli Etruschi e i loro rapporti con gli altri popoli italici: scambi commerciali e relazioni culturali. Lo sviluppo della civiltà etrusca. La fase villanoviana (IX-VIII sec. a.C.): dalla capanna alla casa e dal villaggio alla città; le prime forme di organizzazione politico-sociale analizzate attraverso la documentazione funeraria. La fase orientalizzante (VIII-VII sec. a.C.): l'affermarsi delle aristocrazie e la cultura dei principi; i palazzi e la grande architettura funeraria; l'ideologia aristocratica e la produzione artistica. La fase arcaica (VI sec. a.C.): la fine delle aristocrazie e l'avvento del demos; le grandi imprese di monumentalizzazione urbana; le città e i loro porti; i rapporti con la grecità orientale e lo sviluppo delle grandi arti. La fase classica (V-IV sec. a.C.): il primato dell'Etruria interna e la crisi dell'Etruria costiera; il problema artistico e i rapporti con la Grecia. La fase ellenistica (IV-III sec. a.C.): la grande “crisi” del IV secolo e le "aristocrazie di ritorno"; i rapporti con la Macedonia e la Magna Grecia e l'ultima grande stagione della civiltà etrusca. L'impatto con Roma e la fine della civiltà degli Etruschi. La lingua e la scrittura etrusca. Il problema della classificazione e dello studio della lingua etrusca. Alfabeti e tipi di scrittura. Aspetti sociali ed onomastici.

Per i frequentanti sono obbligatorie le letture A1 e A2; le restanti (A3, A4, A5, A6, A7) sono letture facoltative di approfondimento.
Per i non frequentanti sono obbligatorie le letture A1 e A2 più almeno una tra quelle facoltative (A3, A4, A5, A6, A7).


B. Parte seconda:

ETRURIA PADANA E AREE VICINE
L'espansione degli Etruschi al di fuori dell'Etruria. L'Etruria Padana: genesi, motivazioni storico-economiche e caratteristiche della presenza etrusca nella Valle del Po. Le città padane, la loro economia integrata e la loro organizzazione in una confederazione politica. La nascita dei centri etruschi di Bologna e di Verucchio e lo sviluppo territoriale durante la fase villanoviana e orientalizzante. L'apogeo del tardo arcaismo e la ristrutturazione dell'intera area padana. La fondazione di Marzabotto, Spina, Mantova e di altri centri minori. Il sistema commerciale e produttivo dell'Etruria padana. I contatti con gli altri popoli dell'Italia settentrionale. Etruschi e area venetica.

Per chi frequenta è obbligatoria le lettura di almeno cinque articoli tra i quali, obbligatori, i numeri B1, B6 e B8; per chi è impossibilitato a frequentare le letture sono tutte obbligatorie (B1, B2, B3, B4, B5, B6, B7, B8).
Testi di riferimento: A1) M. Pallottino, Etruscologia. Roma: --, 1985. Cerca nel catalogo
A2) M. Cristofani ( a cura di), Gli Etruschi. Una nuova immagine. Firenze: --, 1972. (o ristampe successive)
A3) G. Pugliese Carratelli ( a cura di), Rasenna. Storia e civiltà degli Etruschi. Milano: --, 1987.
A4) AA. VV., Gli Etruschi (Catalogo della mostra, Venezia 2000). Cinisello Balsamo: --, 2000.
A5) M. Cristofani, Introduzione allo studio dell'etrusco. Firenze: --, 1977. (o edizioni successive) Cerca nel catalogo
A6) G. Camporeale, Gli Etruschi. Storia e civiltà,. Torino: --, 2000. (I Edizione) o 2004 (Nuova Edizione) Cerca nel catalogo
A7) G. Bartoloni (a cura di), Introduzione all'Etruscologia. Roma: --, 2012.
B1) G. Sassatelli-A. Donati (a cura di), Bologna etrusca, in "Storia di Bologna 1. Bologna nell'antichità". Bologna: --, 2005. pp. 117-338.
B2) G. Sassatelli, La situazione in Etruria padana, in "Crise et transformation des sociétés archaiques de l'Italie antiques au V siècle av. J. C." (Acte. Rome: --, 1990. pp. 51-100.
B3) G. Sassatelli,, La funzione economica e produttiva: merci, scambi, artigianato, in 'Spina. Storia di una città tra Greci ed Etruschi' (Catalogo della M. Ferrara: --, 1993. pp.179-217.
B4) G. Sassatelli,, Verucchio, centro etrusco di frontiera, in "Ocnus. Quaderni della Scuola di Specializzazione in Archeologia", IV,. --: --, 1996. pp. 247-268.
B5) E. Govi (a cura di), Marzabotto. Una città etrusca. Bologna: --, 2007.
B6) G. Sassatelli, Gli Etruschi nella Valle del Po. Riflessioni, problemi e prospettive di ricerca, in “Annali Faina” 15,. --: --, 2008. pp. 71-114.
B7) L. Capuis, Il Veneto nel quadro dei rapporti etrusco-italici ed europei dalla fine dell'Età del bronzo alla romanizzazione, in Etrusker nordlich v. Wien: --, 1992.
B8) L. Capuis, Gli Etruschi nel Veneto, in Gli Etruschi fuori d'Etruria, a cura di G. Camporeale,. Verona: --, 2001. pp. 130-145.
Metodi didattici: L'insegnamento è organizzato in lezioni frontali con l'ausilio di power-point e prevede visite ad alcuni dei principali Musei dell'Emilia Romagna (Bologna e Ferrara) e all'area archeologica di Marzabotto. Le date delle visite saranno comunicate ad inizio corso.
Metodi di valutazione: La verifica consiste in un esame orale.
Altro: Agli studenti interessati sarà possibile integrare l'insegnamento del corso con attività pratiche all'interno delle offerte formative proposte dal Dipartimento di Archeologia dell'Università di Bologna con particolare riguardo alla possibilità di fare una esperienza di scavo nella città etrusca di Marzabotto.