Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
LETTERE E FILOSOFIA
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO
Insegnamento
STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO
LE16108093, A.A. 2012/13

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2012/13

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (Ord. 2011)
LE0606, ordinamento 2011/12, A.A. 2012/13
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF THEATRE AND PERFORMING ARTS
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CRISTINA GRAZIOLI L-ART/05

Mutuazioni
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0611
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0605
LE16108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0603
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0598
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0604
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0606
LE10108093 STORIA DEL TEATRO E DELLO SPETTACOLO CRISTINA GRAZIOLI LE0613

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Musica e spettacolo, tecniche della moda e delle produzioni artistiche L-ART/05 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 04/03/2013
Fine attività didattiche 15/06/2013
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 2016/19 01/12/2018 30/11/2019 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
6 2016/18 01/12/2017 30/11/2018 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
5 2016/17 01/10/2016 30/11/2017 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
4 2015/16 01/10/2015 30/11/2016 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
3 2014/15 01/10/2014 30/09/2015 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
2 2013/14 01/10/2013 30/11/2014 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)
MAINO MARZIA (Membro Effettivo)
1 2012/13 01/10/2012 30/09/2013 GRAZIOLI CRISTINA (Presidente)

Syllabus
Prerequisiti:
Risultati di apprendimento previsti: Le lezioni affronteranno motivi, problemi e autori del teatro europeo a partire dalla fine dell'Ottocento. Ci si concentrerà sui movimenti di rinnovamento delle arti sceniche portando l'attenzione sui differenti fattori dell'evento teatrale, privilegiando il testo, le poetiche attoriche, la scenografia, l'illuminazione. Si isoleranno motivi che si prestano ad essere considerati tanto dal punto di vista scenico (e scenotecnico), quanto dal punto di vista teorico, tematico e metaforico, come per esempio l'ombra, la maschera o la marionetta. L’obiettivo è di fornire allo studente le conoscenze di base della materia e gli strumenti necessari a comprenderne la specificità e contemporaneamente le relazioni con gli altri territori artistici.
Pur partendo dalle drammaturgie e dalle poetiche, non si perderanno di vista le situazioni determinate dalle condizioni materiali e dall'avanzamento della tecnica. Nel corso delle lezioni saranno costanti i riferimenti alle pratiche del teatro contemporaneo, con analisi di documenti audiovisivi ma anche di spettacoli che gli studenti possano vedere in prima persona (quindi programmati nelle rassegne teatrali della città o di città facilmente raggiungibili).
Contenuti: Teatri di Figure: interferenze tra la scena e le altre arti.
Il corso 2012/2013 sarà incentrato sul motivo delle Figure, intese tanto dal punto di vista tematico e metaforico che come pratiche artistiche.
La parte propedeutica delle lezioni prenderà in esame alcuni nodi teorici e metodologici utili ad affrontare la disciplina: la nascita della Storia del Teatro, le fonti per la storia dello spettacolo (compresa l'iconografia e la documentazione audiovisiva), le prospettive di decodificazione del testo spettacolare.
Si procederà quindi affrontando alcuni esempi di autori e poetiche che hanno segnato una svolta decisiva nel mondo teatrale europeo negli ultimi due decenni dell'Ottocento e nei primi del Novecento. In particolare ci si concentrerà su poetiche collocabili tra Simbolismo ed Espressionismo, con un'attenzione specifica agli ambiti di lingua francese e di lingua tedesca.
Le poetiche trattate offriranno l'opportunità di stabilire dei collegamenti con alcuni esempi del teatro del secondo Novecento e delle pratiche contemporanee. Si sceglieranno infatti alcuni testi, temi o figure particolarmente fortunate o significative nel corso del Novecento e fino ai nostri giorni.
Le poetiche di autori simbolisti, tese al superamento dell’individualità, verranno messe a confronto con lo spettacolo dominato dalla grande personalità dell’attore di tradizione ottocentesca segnata dal sistema dei ruoli. Motivi conduttori saranno i rapporti con le arti figurative, le influenze dall'Oriente, il concetto di regia. Tra i vari procedimenti scenici, ci si soffermerà su alcune modalità di utilizzo della luce e in particolare sugli aspetti implicati dall'ombra.
L’ultima parte delle lezioni sarà concentrata su alcuni esempi di poetiche, drammi e allestimenti tratti dal teatro del Novecento e fino ai nostri giorni.
Programma: BIBLIOGRAFIA PER NON FREQUENTANTI
GLI STUDENTI CHE DEVONO ACQUISIRE SOLAMENTE 6 CREDITI NON PORTERANNO IL PUNTO 2); PORTERANNO SOLO UN DRAMMA A SCELTA DEL PUNTO 3) E, A SCELTA, NON PORTERANNO UNO DEI DUE PUNTI 4) O 5). [CIOE' PORTERANNO I PUNTI 1),3) dimezzato,4),6) OPPURE 1), 3) dimezzato, 5), 6)]

Fonti
1) un testo a scelta tra i seguenti:

Rainer Maria Rilke, Scritti sul teatro, a cura di U. Artioli e C. Grazioli, Genova, Costa & Nolan, 1995
Alfred Jarry, Essere e vivere, Milano, Adelphi,

2) Un testo a scelta tra i seguenti:
H. von Kleist, Saggio sul teatro di marionette (qualsiasi edizione)
Bruno Schulz, Trattato dei manichini, in Le botteghe color cannella, Einaudi

3) Due drammi a scelta tra i seguenti (edizioni a scelta):
Maurice Maeterlinck, I Ciechi
Maurice Maeterlinck, Interno
Maurice Maeterlinck, L'intrusa
Alfred Jarry, Ubu Re
Samuel Beckett, Non-Io
Samuel Beckett, L'ultimo nastro di Krapp
Samuel Beckett, Finale di partita

Critica:

4) Un testo a scelta tra i seguenti:
Peter Szondi, Teoria del dramma moderno, Torino, Einaudi, 1970
Brunella Eruli, Jarry. I mostri dell'immagine, Pisa, Pacini, 1982
Roberto Tessari, Teatro e avanguardie storiche, Bari, Laterza, 2005
Marchiori, F. (a cura di), Beckett & Puppet, Titivillus, 2012

5) un testo a scelta tra i seguenti:

Cristina Grazioli, Lo specchio grottesco. Marionette e automi nel teatro tedesco di primo '900, Padova, Esedra, 1999
Daniela Visone, Nascita del Nuovo Teatro in Italia, Pisa, Titivillus, 2010

6) Un volume a scelta tra i seguenti (esclusi i testi già portati all'esame di Storia della Drammaturgia o di Metodologia e critica dello spettacolo):

U. Artioli,Teorie della scena dal Naturalismo al Surrealismo, Firenze, Sansoni, 1972
U. Artioli (a cura di), Il teatro dei ruoli in Europa, Padova, Esedra, 2000
U. Artioli- F. Trebbi (a cura di), Gesto e parola, Padova, Esedra, 1996
U. Artioli, Il ritmo e la voce. Alle sorgenti del teatro della crudeltà, Laterza, 2005
R. Alonge, F. Perrelli, Storia del teatro e dello spettacolo, UTET, 2012
M. De Marinis, Capire il teatro, La Casa Usher, 1999
C. Grazioli, Luce e ombra. Storia, teorie e pratiche dell’illuminazione teatrale, Laterza 2008
A. Attisani, L’invenzione del teatro. Fenomenologie e attori della ricerca, Bulzoni, 2003
Testi di riferimento: R. Alonge - G. Davico Bonino (a cura di), Storia del teatro moderno e contemporaneo, 3 voll.. Torino: Einaudi, 2000.
Paolo Bosisio, Teatro dell'Occidente. Milano: Led, 2006. Cerca nel catalogo
Valentina Valentini, Corpi, mondi, materie. Milano: Bruno Mondadori, 2007. Cerca nel catalogo
Antonio Attisani, Breve storia del teatro. Milano: BCM, 1989. Cerca nel catalogo
Peter Szondi, Teoria del dramma moderno. Torino: Einaudi, 1962. Consigliato agli studenti dei corsi di laurea magistrale. Cerca nel catalogo
Note ai testi di riferimento: I TESTI INDICATI IN QUESTA SEZIONE SONO CONSIGLIATI COME STRUMENTI DI CONSULTAZIONE GENERALE. PER LA BIBLIOGRAFIA DA PORTARE ALL'ESAME SI FACCIA RIFERIMENTO AL "PROGRAMMA ESTESO"
Metodi didattici: All'inizio del corso si illustreranno alcuni concetti chiave e principi metodologici della disciplina. Si illustrerà il percorso delle lezioni tenendo conto della presenza a lezione di studenti provenienti da diversi corsi di studi e si cercherà di chiarire la terminologia specifica che verrà utilizzata.
Le lezioni saranno corredate da materiale iconografico e audiovisivo e si cercherà, se possibile, di organizzare la visione di spettacoli che abbiano attinenza con i temi trattati a lezione.
Metodi di valutazione: La prova d'esame si svolgerà in forma orale
Altro: DATO CHE NON è POSSIBILE DIFFERENZIARE IN RETE I PROGRAMMI DESTINATI AI DIVERSI CORSI DI LAUREA, SI CONSIGLIANO GLI STUDENTI ISCRITTI A CORSI DIVERSI DAL DAMS, E IN PARTICOLARE GLI STUDENTI DEI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE, DI METTERE A PUNTO IL PROGRAMMA CON LA DOCENTE (CONSIGLIATO MA NON OBBLIGATORIO!), PRESENTANDOSI IN ORARIO DI RICEVIMENTO

IL PROGRAMMA PRESENTE IN RETE è DESTINATO AGLI STUDENTI NON FREQUENTANTI. IL PROGRAMMA PER FREQUENTANTI VERRA' DEFINITO E DISTRIBUITO ALL'INIZIO DELLE LEZIONI. ARGOMENTI E AMBITO DI STUDIO SARANNO I MEDESIMI PER GLI STUDENTI FREQUENTANTI (MENTRE SARA' LEGGERMENTE DIVERSA LA BIBLIOGRAFIA.
AI FINI DI UNA PIU' ADEGUATA CORRISPONDENZA AI VARI CURRICULA, SI CONSIGLIANO GLI STUDENTI DEI CORSI MAGISTRALI DI DISCUTERE PREVENTIVAMENTE IL PROGRAMMA D'ESAME CON LA DOCENTE.

SI ESORTANO INOLTRE TUTTI GLI STUDENTI, FREQUENTANTI E NON FREQUENTANTI, A PARTECIPARE AGLI INCONTRI CON REGISTI E ATTORI ORGANIZZATI NELL'AMBITO DEI CORSI (DI CUI VIENE REGOLARMENTE DATA NOTIZIA NELLA PAGINA DOCENTE).