Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Psicologia
PSICOLOGIA SOCIALE, DEL LAVORO E DELLA COMUNICAZIONE
Insegnamento
FILOSOFIA DELLA SCIENZA
PSN1032486, A.A. 2014/15

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2014/15

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
PSICOLOGIA SOCIALE, DEL LAVORO E DELLA COMUNICAZIONE (Ord. 2014)
PS1087, ordinamento 2014/15, A.A. 2014/15
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PHILOSOPHY OF SCIENCE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISPPA)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARZIA SOAVI M-FIL/02

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE10102977 FILOSOFIA DELLA SCIENZA MARZIA SOAVI LE0599

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-FIL/02 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2015
Fine attività didattiche 05/06/2015
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 commissioni a.a.2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 SOAVI MARZIA (Presidente)
CARRARA MASSIMILIANO (Membro Effettivo)
SPOLAORE GIUSEPPE MARIO (Supplente)
5 FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2017 01/10/2017 30/11/2018 SOAVI MARZIA (Presidente)
GIARETTA PIERDANIELE (Membro Effettivo)
CARRARA MASSIMILIANO (Supplente)
4 FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2016/2017 01/10/2016 30/11/2017 SOAVI MARZIA (Presidente)
GIARETTA PIERDANIELE (Membro Effettivo)
CARRARA MASSIMILIANO (Supplente)
3 FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2014/2015 01/10/2015 30/11/2016 SOAVI MARZIA (Presidente)
GIARETTA PIERDANIELE (Membro Effettivo)
CARRARA MASSIMILIANO (Supplente)
2 FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2014/2015 01/10/2014 30/09/2015 SOAVI MARZIA (Presidente)
GIARETTA PIERDANIELE (Membro Effettivo)
CARRARA MASSIMILIANO (Supplente)
1 FILOSOFIA DELLA SCIENZA 2013/2014 01/10/2013 07/11/2014 SOAVI MARZIA (Presidente)
GIARETTA PIERDANIELE (Membro Effettivo)
CARRARA MASSIMILIANO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Auspicabile una conoscenza anche basilare della lingua inglese
Auspicabile una conoscenza di base di logica o di filosofia della scienza
Conoscenze e abilita' da acquisire:
Modalita' di esame: Orale
Criteri di valutazione: Competenza critica acquisita rispetto ai temi trattati
Contenuti: Il corso verterà sulle questioni sollevate delle spiegazioni teleologiche, ovvero quelle spiegazioni nelle quali si menziona una funzione, un fine o uno scopo per spiegare qualcosa. Si tratta di una modalità esplicativa ampiamente utilizzata sia nell’ambito di contesti scientifici che non scientifici. La spiegazione teleologica solleva molti problemi in relazione alla nozione di causa, dal momento che essa sembra invertire il corretto rapporto causa effetto: sembra che sia l’effetto (la funzione, il fine o lo scopo) a spiegare la causa. Essa è anche difficilmente conciliabile con il modello esplicativo classico a leggi di copertura che sta all’origine del dibattito attuale sulla spiegazione scientifica. Analizzeremo il perché di questa incompatibilità partendo da una presentazione dettagliata del modello classico e dei suoi limiti e vedendo le trattazioni rispettive di C.G.Hemple che rifiuta come inadeguata la spiegazione teleologica e quella di E.Nagel che intende invece difenderne la validità. Passeremo ad analizzare il concetto di spiegazione funzionale, così come viene introdotto da L.Wright, il quale cerca di ridurre attraverso la nozione di eziologia della conseguenza la spiegazione teleologica ad un modello di spiegazione conciliabile con l’ordinaria sequenza causale. Prenderemo in considerazione la nozione alternativa di analisi funzionale , pensata da R.Cummins per le esigenze esplicative nell’ambito delle scienze cognitive ed infine esamineremo criticamente le argomentazioni a sostegno della irriducibilità della spiegazione teleologica tanto alla spiegazione funzionale quanto all’analisi funzionale.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso è pensato con modalità mista: lezione frontale ed incontro seminariale. Gli studenti saranno invitati a relazionare in aula e a discutere criticamente i testi che verranno indicati ad inizio del corso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I testi di approfondimento seminariale sui quali verterà principalmente l'interrogazione in sede di esame saranno indicati a lezione.
Testi di riferimento:
  • Raffaella Campaner e Maria Carla Galavotti, La spiegazione scientifica.. Bologna: ArchetipoLibri, 2012. Cerca nel catalogo
  • Wesley Salmon, 40anni di spiegazione scientifica. Padova: Franco Muzzio Editore, 1992. Cerca nel catalogo
  • Alberto Peruzzi, Modelli della spiegazione scientifica. Firenze: Firenze University Press,, 2009. Cerca nel catalogo