Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
SERVIZIO SOCIALE
Insegnamento
TECNICHE E METODOLOGIE DEL SERVIZIO SOCIALE 3
SFO2043050, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SERVIZIO SOCIALE
SF1330, ordinamento 2015/16, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese TECHNIQUES AND METHODOLOGIES OF SOCIAL SERVICES 3
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/spgi/course/view.php?idnumber=2018-SF1330-000ZZ-2016-SFO2043050-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MIRELLA ZAMBELLO 000000000000

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline del servizio sociale SPS/07 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 45 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2015

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Aver superato gli Esami di Tecniche e Metodologie del Servizio Sociale 1 e 2.
La nuova definizione internazionale di Servizio Sociale(IFSW,"Global definition of Social Work”,anno 2014) sottolinea un ruolo promozionale e politico della professione di Assistente Sociale, così come i messaggi dei più recenti "World Social Work Day". Pertanto il corso fa riferimento ai contenuti dei programmi indicati dalle organizzazioni internazionali per la formazione degli Assistenti sociali,quali l’AIDOSS, l’IFSW e lo AISSW, oltre che dalla relativa normativa nazionale.
ambiano gli scenari e le politiche di Welfare, e soprattutto cambiano i bisogni e gli utenti dei servizi. E' quindi necessario adattare il ruolo professionale e le metodologie a queste significative evoluzioni, affinchè la professione di Assistente Sociale possa rappresentare una utile risorsa per la cittadinanza e per le reti dei servizi nei territori.
Il Servizio Sociale come professione di aiuto trova i riferimenti valoriali nella Costituzione Italiana, nell’evoluzione storica del Servizio Sociale, nella Legge quadro n. 328/2000 per la realizzazione del Sistema Integrato di Interventi e Servizi Sociali.
Durante il corso vi saranno collegamenti alle Teorie del Servizio Sociale ed al Codice deontologico, quale base etico-filosofica, che dovrà orientare l’operatività, in un processo costante e circolare di arricchimento tra la teoria e la prassi.Valutare l'efficacia degli interventi e degli esiti del lavoro sociale, “integrato” con le altre professionalità, rappresenterà un elemento significativo nella forma mentis dell’operatore. Saranno proposti gli strumenti e le capacità professionali più adatte per il Servizio Sociale di Comunità, seguendo un'ottica generativa degli interventi, per una professione capace di valorizzare le capacità e le responsabilità dei cittadini e delle Comunità.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso mira a:
-offrire la conoscenza del processo metodologico del Servizio Sociale di Comunità e degli strumenti operativi adeguati, per affrontare la “complessità” delle problematiche sociali;
-accrescere la capacità di analisi e la capacità trasformativa delle politiche sociali;
-orientare l’operatore verso l’approccio globale ed integrato, che consideri i diversi aspetti sociali ed i livelli organizzativi, strettamente “connessi”, verso una visione promozionale, comunitaria ed integrata del lavoro sociale;
-apprendere le modalità per lavorare per progetti, cercando l'innovazione, e fare valutazione del lavoro sociale;
-impostare interventi seguendo un'ottica generativa delle capacità e delle responsabilità delle persone, delle famiglie e delle comunità.
Modalita' di esame: Prerequisito: Aver superato gli Esami di TECNICHE E METODOLOGIE DEL SERVIZIO SOCIALE 1 e 2;
L'esame si realizzerà attraverso una Prova Orale.
Criteri di valutazione: Il corso mira a:
-offrire la conoscenza del processo metodologico del Servizio Sociale di Comunità e degli strumenti operativi adeguati, per affrontare la “complessità” delle problematiche sociali;
-favorire la capacità di analisi e della capacità trasformativa delle Politiche Sociali;
-orientare l’operatore verso l’approccio globale ed integrato, che consideri i diversi aspetti sociali ed i livelli organizzativi, strettamente “connessi”,verso una visione promozionale, comunitaria ed integrata del lavoro sociale;
-apprendere le modalità per lavorare per progetti e fare valutazione del lavoro sociale;
-impostare interventi seguendo un'ottica generativa delle capacità e delle responsabilità delle persone, delle famiglie e delle comunità.
Contenuti: IL PROGRAMMA:
1)La nuova definizione internazionale di Servizio Sociale; Il messaggio della Giornata Internazionale “World Social Work Day”;
2)I bisogni sociali in evoluzione; La complessità del sociale;
3)LAVORARE PER PROGETTI; Gli elementi del progetto;
Il progetto di intervento individualizzato sul caso; le fasi del processo di aiuto con esempi;
4) La diagnosi sociale: gli indicatori di disagio
5)LA RELAZIONE SOCIALE SCRITTA: quali contenuti e modalità; Competenza nella tutela dei Minori: Come scrivere una relazione di segnalazione.
6)LAVORI di Gruppo su: Relazione scritta di presentazione del piano di intervento di un caso.
Presentazione in plenaria con slides dei Lavori di Gruppo.
7)Il servizio sociale di comunità; Video con Esempi di Progetti di Servizi Sociali di Comunità e Generativi.
8)La lettura dei bisogni di una comunità; La ricerca-intervento.
9)I Progetti di Comunità e la Programmazione Partecipata;
10)Il contrasto alla marginalità: I Rapporto sulla Povertà; il Welfare Generativo; la capacità trasformativa del Servizio Sociale; ridurre le disuguaglianze;
11)Il Capitale Sociale e reti educative; Esempi di Progetti di Comunità: Progetto Change Napoli; Il progetto Equale SOLE, La cura delle Reti;
12)La comunicazione nei gruppi, verbale e non verbale; Il lavoro di Gruppo e con i Gruppi, stili di conduzione dei gruppi; I Gruppi di Auto e Mutuo aiuto.
13) La Valutazione nelle politiche pubbliche e nel lavoro sociale, La Valutazione degli esiti, La valutazione delle famiglie affidatarie; Esempi di Valutazioni Partecipata;
14) I del lavoro integrato per affrontare la complessità. Vecchie e nuove dipendenze;
15)La tutela dei Minori: metodologa di intervento con esempi di casi- Ospite Assistente Sociale- Linee LINEE di indirizzo del diritto del minore alla Famiglia (Ministero della Solidarietà);
16)Il Segretariato Sociale e la funzione promozionale; L’Advocacy nel sociale e Capitale sociale; Il Management Sociale.
17)La Governance nel Servizio Sociale e l’innovazione. Welfare Comunitario; Le nuove sfide della RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE, riferimenti al codice deontologico.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni in aula,con Visione di filmati su progetti sociali di comunità e di reinserimento sociale;
Lavori di Gruppo su una Relazione scritta di Piano di intervento su un caso complesso.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Documenti e slides delle lezioni tra il materiale didattico su piattaforma moodle.
Testi di riferimento:
  • Elena Allegri, Il Servizio Sociale di Comunità. Roma: Carocci Faber, 2016. 2° ed.marzo 2016 Cerca nel catalogo
  • Annamaria Zilianti, Beatrice Rovai, Assistenti Sociali professionisti. Metodologia del lavoro sociale.. Roma: Edizione Carocci Faber, 2007. (esclusi i Capitoli 1, 2 e 3) Cerca nel catalogo
  • Valeria Fabbri, ll Gruppo e l'intervento sociale. Progettare,Condurre, Valutare,. Roma: Carocci Faber, 2010. Cap. 3 – da p. 45 a p.71- Tipologie e classificazione dei gruppi ; e p. 95 Stili di condizione Cerca nel catalogo
  • Anna Maria Campanini(a cura di), La valutazione nel servizio sociale. Roma: Carocci Faber, 2006. Cap.1,da pag.19 a pag.38,Cap.5,da pag.93 a pag.108,(escluso 5.5 e 5.6) Cerca nel catalogo
  • Maria Dal Pra Ponticelli(a cura di), Dizionario di Servizio Sociale. Roma: Carocci Faber, 2005. voci:Continuità assistenziale; Integrazione; Servizio Sociale di Comunità; Cerca nel catalogo
  • Tiziano Vecchiato (a cura di), Welfare Generativo. Responsabilizzare,rendere, rigenerare.La lotta alla Povertà, Rapporto 2014. Bologna: Il Mulino, 2014. Terza parte: capitoli 8,9,10 e 11 Cerca nel catalogo
  • Mirella Zambello (a cura di), Servizio Sociale e interventi generativi di comunità.- in Studi Zancan, 6/2016. Padova: Fondazione Emanuele Zancan, 2016. Articolo Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Case study
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Ridurre le disuguaglianze