Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Medicina e Chirurgia
DIETISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI DIETISTA)
Insegnamento
NUTRIZIONE CLINICA
MEP4064875, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DIETISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI DIETISTA)
ME1853, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 8.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese CLINICAL NUTRITION
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina (DIMED)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di DIETISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI DIETISTA)

Docenti
Responsabile MARIATERESA NARDI
Altri docenti GIOVANNA VERLATO

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Scienze della dietistica MED/49 8.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 8.0 80 120.0

Calendario
Inizio attività didattiche 01/10/2018
Fine attività didattiche 18/01/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2011

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Conoscere i principi di dietetica e dietoterapia
Conoscere e saper applicare le metodiche di valutazione dello stato nutrizionale
Conoscenze e abilita' da acquisire: CONOSCENZE:
- il ruolo del dietista nella nutrizione artificiale
- i principi per una corretta gestione della nutrizione artificiale nel paziente ospedalizzato e a domicilio
- le modalità di attuazione e di monitoraggio di un intervento di nutrizione artificiale nelle diverse patologie
- i principi per un corretto utilizzo delle diverse formule per nutrizione enterale e supplementi nutrizionali orali
- la gestione della transizione dalla nutrizione artificiale all'alimentazione volontaria
- la gestione nutrizionale del paziente oncologico nelle varie fasi della malattia.
ABILITA' DA ACQUISIRE
- saper attuare, nell'ambito delle proprie competenze,un intervento di nutrizione enterale nelle diverse patologie
- individuare e saper applicare le strategie e le tecniche più adeguate per il monitoraggio dell'intervento nutrizionale
- collaborare con altre figure professionali, pazienti e caregiver per favorire un'ottimale attuazione del piano terapeutico e garantire la continuità delle cure.
- saper gestire l'alimentazione e il supporto nutrizionale nei pazienti con tumore in tutte le fasi del percorso diagnostico-terapeutico.
Modalita' di esame: Scritto, con quesiti a scelta multipla e una domanda aperta
Criteri di valutazione: Correttezza delle risposte per le domande a scelta multipla, correttezza della risposta, capacità di sintesi e qualità dell'elaborato per la domanda aperta.
Contenuti: NUTRIZIONE ARTIFICIALE
Indicazioni
Fabbisogni
Scelta della via di somministrazione (enterale/parenterale)
Aspetti etici
NUTRIZIONE ENTERALE
Tipo di accessi (sondini e stomie)
Complicanze: legate all'accesso, gastroenteriche e metaboliche
Miscele commerciali per nutrizione enterale: formule polimeriche, elementari e semi-elementari; formule standard e formule specifiche per patologia
Supplementi nutrizionali orali
Modalità di gestione
NUTRIZIONE PARENTERALE
Accessi
Complicanze
Substrati e miscele
NUTRIZIONE ARTIFICIALE DOMICILIARE
Modalità di gestione
Ruolo del dietista nella nutrizione artificiale domiciliare
NUTRIZIONE ARTIFICIALE NELLE PRINCIPALI PATOLOGIE
Diabete, perioperatorio, terapia intensiva, insufficienza d'organo (intestinale, epatica, renale, cardiaca e respiratoria), malattie infiammatorie croniche intestinali, pancreatite acuta, anoressia nervosa.
Il passaggio dalla nutrizione artificiale all'alimentazione volontaria.
ONCOLOGIA
I trattamenti chemioterapici: definizione, cenni sui meccanismi d’azione e sulla tossicità.
La valutazione nutrizionale in oncologia: screening e assessment dello stato nutrizionale, analisi della composizione corporea, test funzionali.
I fabbisogni nutrizionali nel paziente oncologico in corso di chemio-radioterapia e nel periodo perioperatorio.
Il counseling nutrizionale e la gestione dei sintomi correlati ai trattamenti antineoplastici.
I Supplementi Nutrizionali Orali in oncologia.
Le indicazioni e la gestione dell’endoprotesi esofagea.
Le indicazioni e la gestione della nutrizione artificiale nel paziente oncologico.
Discussione di casi clinici.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali
Discussione interattiva di casi clinici
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: LINEE-GUIDA DELLA SOCIETA' EUROPEA DI NUTRIZIONE CLINICA E METABOLISMO (ESPEN):
- ESPEN Guidelines on Enteral Nutrition (www.espen.org)
- ESPEN Guidelines on Parenteral Nutrition (www.espen.org)
LE LINEE-GUIDA PER LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE NEL PAZIENTE ADULTO OSPEDALIZZATO (www.sinpe.org)
Testi di riferimento:
  • Società Italiana di Nutrizione Artificiale e Metabolismo (SINPE), Manuale di Nutrizione Artificiale. --: Alfredo Guida Editore, 2007. Per aggiornamenti su argomenti specifici vedere Linee Guida ESPEN (www.espen.org)