Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
LETTERE
Insegnamento
STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE
LE09108368, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2016/17

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
LETTERE (Ord. 2012)
LE0598, ordinamento 2012/13, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Curriculum LETTERE MODERNE [002PD]
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HISTORY OF MEDIAEVAL PHILOSOPHY
Sito della struttura didattica https://www.disll.unipd.it/
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile GIOVANNI CATAPANO M-FIL/08

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE11108368 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE GIOVANNI CATAPANO LE0599

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative M-FIL/08 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso III Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 commissioni a.a. 2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 CATAPANO GIOVANNI (Presidente)
MARTINI CECILIA (Membro Effettivo)
CREPALDI MARIA GRAZIA (Supplente)
MORO ENRICO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Lo studio della storia della filosofia medievale presuppone una conoscenza di base della storia della filosofia antica, specialmente di Aristotele e del neoplatonismo.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Gli obiettivi prossimi e specifici di questo insegnamento sono quattro:
(1) conoscere le fasi, le caratteristiche, gli autori, i testi e i temi principali del pensiero filosofico sviluppatosi nei secoli V-XIV nell’Occidente latino;
(2) saper riconoscere e collocare in modo storicamente corretto l’apporto dell’epoca medievale all’evoluzione delle dottrine e delle pratiche filosofiche;
(3) saper analizzare e comprendere brevi testi filosofici medievali in traduzione italiana;
(4) conoscere per lettura diretta in traduzione italiana un classico della filosofia medievale.
Gli obiettivi remoti e generici sono:
(5) saper sintetizzare argomenti complessi;
(6) saper ricostruire genealogicamente un problema individuandone la genesi, lo sviluppo e la fine;
(7) saper analizzare un testo, distinguendone gli elementi essenziali rispetto a quelli accessori;
(8) saper soppesare pro e contro di un punto di vista rispetto a un altro in funzione della formulazione di un giudizio;
(9) saper isolare conclusioni e premesse di un argomento.
Modalita' di esame: L'esame sarà orale e consisterà in un colloquio individuale della durata di circa 30 (trenta) minuti. Le domande verteranno sia sulla parte generale sia sul classico scelto dallo studente.
Criteri di valutazione: La valutazione esprimerà, nel voto, il livello di raggiungimento degli obiettivi prossimi e specifici prefissati (si veda la sezione “Conoscenze e abilità da acquisire”). Completezza di informazione, precisione di analisi concettuale e correttezza terminologica saranno considerate condizioni indispensabili per una valutazione alta.
Contenuti: A lezione saranno svolte le seguenti unità didattiche:
(1) Agostino di Ippona (vita e scritti; conoscenza e linguaggio; male, libertà e grazia; la creazione e il tempo; la Trinità e la sua immagine interiore; le due città);
(2) il pensiero latino da Boezio ad Anselmo d’Aosta (Boezio; l'epoca carolingia ed Eriugena; le dispute teologiche dell'XI secolo e Anselmo);
(3) maestri e scuole in Francia nel XII secolo (Abelardo; i maestri della cosiddetta "scuola di Chartres"; tendenze e sviluppi della teologia);
(4) filosofia e teologia nel XIII secolo (nuovi testi e contesti della biblioteca filosofica; i primi maestri delle università di Parigi e Oxford; Alberto Magno e Bonaventura; l'aristotelismo alla facoltà delle Arti e la condanna del 1277; le polemiche dell'ultimo quarto di secolo);
(5) Tommaso d’Aquino (la teologia come scienza e il suo rapporto con la filosofia; essere ed essenza; Dio e il mondo; anima, intelletto e conoscenza; beatitudine e legge);
(6) la filosofia dei teologi da Duns Scoto a Wyclif (Duns Scoto e i primi scotisti; Eckhart fra tradizione albertina e mistica; nominalismo e realismo da Ockham a Wyclif).
Riferimenti alla teologia bizantina e alla filosofia in lingua araba saranno fatti in funzione del loro influsso sul pensiero latino.
Gli studenti che sostengono l’esame per 6 (sei) crediti (42 ore) porteranno all’esame solo 4 (quattro) di queste unità didattiche, a loro scelta.
Tutti gli studenti inoltre porteranno all'esame uno (1) dei seguenti classici, letto in traduzione italiana (si vedano le edizioni consigliate nella sezione "Testi di riferimento"):
(1) Agostino, «De magistro»;
(2) Anselmo, «Proslogion» (incluse le obiezioni di Gaunilone e la replica dello stesso Anselmo);
(3) Abelardo, «Ethica»;
(4) Bonaventura, «Itinerarium mentis in Deum»;
(5) Tommaso, «De ente et essentia»;
(6) Duns Scoto, «De primo principio».
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il metodo didattico prevalente sarà la lezione frontale. Le lezioni includeranno la lettura e l'analisi di brevi testi medievali in traduzione italiana. La frequenza è vivamente consigliata.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Nel manuale diretto da U. Curi, indicato nella sezione "Testi di riferimento", i capitoli in programma (di cui è autore G. Catapano) sono quelli corrispondenti alle unità didattiche elencate nella sezione "Contenuti". Gli studenti frequentanti saranno interrogati solo sulle parti spiegate a lezione. Gli studenti non frequentanti porteranno all'esame il capitolo su Agostino e tutti i capitoli delle sezioni intitolate "La filosofia medievale al di fuori delle università" e "La filosofia scolastica nei secoli XIII e XIV".
Ulteriori indicazioni e integrazioni bibliografiche potranno essere fornite durante lo svolgimento del corso. Gli studenti troveranno gli eventuali aggiornamenti on-line nello spazio Moodle di questo insegnamento.
È bene che gli studenti che intendono frequentare si procurino il manuale citato per tempo, in modo tale da averlo a disposizione fin dalle prime lezioni.
Testi di riferimento:
  • U. CURI (a cura di), Il coraggio di pensare, [volume] 1. Dagli arcaici al Medioevo. Torino: Loescher, 2018. Per le parti da studiare, si vedano le "Eventuali indicazioni sui materiali di studio" Cerca nel catalogo
  • A. BISOGNO, Il «De magistro» di Agostino. Introduzione, testo, traduzione e commento. Roma: Città Nuova Editrice, 2014. Edizione consigliata per il «De magistro» di Agostino Cerca nel catalogo
  • ANSELMO D'AOSTA, Proslogion. Con la difesa dell'insipiente da parte di Gaunilone e la risposta di Anselmo. A cura di L. Pozzi. Testo latino a fronte. Milano: BUR, 1992. Edizione consigliata per il «Proslogion» di Anselmo Cerca nel catalogo
  • PIETRO ABELARDO, Etica, a cura di M. Fumagalli Beonio Brocchieri. Milano-Udine: Mimesis, 2014. Edizione consigliata per l'«Ethica» di Abelardo Cerca nel catalogo
  • BONAVENTURA, Itinerario dell'anima a Dio. Testo latino a fronte. Introduzione, traduzione, note e apparati di L. Mauro. Milano: Bompiani, 2002. Edizione consigliata per l'«Itinerarium mentis in Deum» di Bonaventura Cerca nel catalogo
  • TOMMASO, L'ente e l'essenza. Testo latino a fronte. Introduzione, traduzione, note e apparati di P. Porro. Milano: Bompiani, 2002. Edizione consigliata per il «De ente et essentia» di Tommaso Cerca nel catalogo
  • GIOVANNI DUNS SCOTO, Trattato sul primo principio. Testo latino a fronte. Introduzione, traduzione, note e apparati di P. Porro. Milano: Bompiani, 2008. Edizione consigliata per il «De primo principio» di Duns Scoto Cerca nel catalogo