Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE DELLO SPETTACOLO E PRODUZIONE MULTIMEDIALE
Insegnamento
MULTIMEDIALITA' NELLE ARTI PERFORMATIVE
SUP3052897, A.A. 2017/18

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE DELLO SPETTACOLO E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (Ord. 2017)
LE0615, ordinamento 2017/18, A.A. 2017/18
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese MULTIMEDIA IN THE PERFORMING ARTS
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scienzeumane/course/view.php?idnumber=2017-LE0615-000ZZ-2017-SUP3052897-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile Enrico Pitozzi L-ART/05

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline dello spettacolo, della musica e della costruzione spaziale L-ART/05 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 26/02/2018
Fine attività didattiche 01/06/2018
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2017

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
6 2018 01/10/2018 30/11/2019 PITOZZI ENRICO (Presidente)
GRAZIOLI CRISTINA (Membro Effettivo)
5 2015/18 01/10/2017 30/11/2018 PITOZZI ENRICO (Presidente)
GRAZIOLI CRISTINA (Membro Effettivo)
4 2015/17 01/10/2016 30/11/2017 PITOZZI ENRICO (Presidente)
GRAZIOLI CRISTINA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti:
Conoscenze e abilita' da acquisire: Al termine del corso lo studente: - possiede un quadro completo delle teorie estetiche e delle strategie d'integrazione tecnologica in atto sulla scena performativa, oltre alle relazioni con la sperimentazione in ambito sonoro. Partendo dall'analisi di opere rappresentative e dalla discussione delle principali posizioni teorico-critiche nazionali e internazionali, lo studente: - acquisisce gli strumenti metodologici per inscrivere le pratiche contemporanee in una prospettiva di continuità e rotture con il quadro storico della disciplina in oggetto. Sul piano delle competenze, tali conoscenze forniscono allo studente: a)- strumenti analitici da applicare in ambito formativo, saggistico, critico-giornalistico; b)- strumenti analitici da applicare in ambito di programmazione, progettazione e cura di specifici eventi spettacolari - teatrali e coreografici - legati all'utilizzo delle tecnologie e dei nuovi media.
Modalita' di esame: Esame orale, com possibilità di tesina scritta da concordare con il docente.
Criteri di valutazione: La valutazione del corso avverrà secondo i modi, i tempi e le direttive stabilite dal corso di studi. Si baserà su un colloquio orale; lo studente potrà, inoltre, concordare con il docente una tesina scritta riguardante argomenti legati allo svolgimento del corso. L'elaborato dovrà essere di circa 10 cartelle, da consegnare una settimana prima dell'appello nel quale si intende sostenere l'esame.
Contenuti: Teatri del suono: corpo, percezione, dispositivi tecnologici


A partire da una prospettiva interdisciplinare che mette in gioco il corpo, la percezione e le tecnologie sulla scena performativa, il corso intende definire la cornice estetica dei Teatri del suono. Attraverso l'analisi di alcune pratiche della scena teatrale e coreografica contemporanea come Shiro Takatani, Saburo Teshigawara, Wayne McGregor, Ginette Laurin o Cindy Van Acker, Societas Raffaello Sanzio, Teatro delle Albe e Jan Fabre e altri, andremo ad analizzare la relazione che essi instaurano con alcune delle figure più importanti in ambito della ricerca audiovisiva così come sviluppata da sound artists come Scanner, Ryoji Ikeda, Scott Gibbons, Granular Synthesis, Luigi Ceccarelli o Mika Vainio. Queste pratiche mettono l'accento sulla dimensione drammaturgica del materiale acustico, portando l'attenzione su quello che chiameremo corpo sonoro della scena. Ciò implica due diverse declinazioni: la prima riguarda il suono concepito come un corpo, in questa prospettiva il suono è materia acustica. Dall'altro, invece, il corpo è suono: in questo caso il corpo produce il soundscape della scena. È qui che le tecnologie (motion capture e altri dispositivi), intervengono nel ridefinire tanto l'assetto percettivo del performer quanto quello dello spettatore. Questa prospettiva analitica permette di elaborare una nuova metodologia attraverso la quale guardare la scena contemporanea ridefinendo, in modo radicale, il concetto e le pratiche di ascolto.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il corso mette in gioco il contributo teorico, analitico e critico-operativo del docente e degli studenti e si svilupperà secondo due modi interrelati: una parte teorica sotto forma di lezioni; e una parte pratica – con l'intervento diretto degli studenti – sotto forma di momenti seminariali dedicati all'analisi di materiali audiovisivi della scena contemporanea tecnologicamente mediata. Determinanti, per lo svolgimento del corso, saranno gli incontri con artisti che lavorano in quest'ambito di ricerca e creazione.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • E. Pitozzi, Magnetica. La composizione coreografica di Cindy Van Acker. Macerata: Quodlibet, 2016. Cerca nel catalogo
  • E. Pitozzi, Acusma. Figura e voce nel teatro sonoro e Ermanna Montanari. Macerata: Quodlibet, 2017. Cerca nel catalogo
  • P. Di Matteo (a cura di), Toccare il reale. L'arte di Romeo Castellucci. Napoli: Cronopio, 2015. Cerca nel catalogo