Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI ALIMENTI
Insegnamento
XENOBIOTICI, VALUTAZIONE DEL RISCHIO E METODOLOGIE DI CONTROLLO
MVN1028379, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI ALIMENTI
MV1734, ordinamento 2011/12, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 8.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese XENOBIOTICS, RISK EVALUATION AND CONTROL PROCEDURES
Sito della struttura didattica http://www.agrariamedicinaveterinaria.unipd.it
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione (BCA)
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/scuolaamv/course/view.php?idnumber=2018-MV1734-000ZZ-2017-MVN1028379-N0
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede VICENZA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di SICUREZZA IGIENICO-SANITARIA DEGLI ALIMENTI

Docenti
Responsabile FRANCESCA CAPOLONGO VET/07
Altri docenti ROBERTA MERLANTI VET/07

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative VET/07 5.0
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative VET/07 3.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
Turni
LABORATORIO 2.0 16 34.0 10
LEZIONE 6.0 48 102.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2011

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
7 Commissione a.a. 2018/19 01/12/2018 30/11/2019 CAPOLONGO FRANCESCA (Presidente)
MERLANTI ROBERTA (Membro Effettivo)
DE LIGUORO MARCO (Supplente)
NOVELLI ENRICO (Supplente)
6 Commissione a.a. 2017/18 01/12/2017 30/11/2018 CAPOLONGO FRANCESCA (Presidente)
MERLANTI ROBERTA (Membro Effettivo)
DE LIGUORO MARCO (Supplente)
NOVELLI ENRICO (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: L’apprendimento dei contenuti è facilitato dalle conoscenze apprese negli insegnamenti di: Chimica generale e fondamenti di biochimica; Fisiologia e Patologia generale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Xenobiotici e valutazione del rischio (5CFU)

Lo studente apprenderà i concetti base di tossicologia generale e tossicocinetica propedeutici per comprendere il destino degli xenobiotici nell'organismo. Apprenderà le proprietà fisico-chimiche e le caratteristiche farmaco-tossicologico dei principali xenobiotici (es. farmaci ed inquinanti ambientali) e sarà in grado di valutare la probabilità che essi siano presenti come residui negli alimenti di origine animale. Lo studente apprenderà i fondamenti relativi alla valutazione del rischio da residui negli alimenti di origine animale. Saranno impartite le nozioni fondamentali di legislazione in materia di farmaco veterinario e di residui negli alimenti di origine animale. Sarà in grado di consultare il Portale RASFF, e avrà consapevolezza dei documenti presenti sul sito del Ministero della Salute e DGSANTE per quanto riguarda le non conformità per presenza di sostanze autorizzate e non in alimenti di origine animale.

Metodologie di controllo (3 CFU)
Verranno illustrate, sia dal punto di vista teorico che pratico, le principali metodiche analitiche utilizzate per la ricerca di residui nelle matrici organiche e le strategie di controllo dei residui a tutela della salute del consumatore.
Caso studio per definizione di tempo di sospensione di ossitetraciclina nel pollo. Lo studente acquisisce l'abilità di: leggere ed interpretare un cromatogramma, costruire la retta di taratura e la retta dei recuperi, estrapolare la concentrazione di campioni incogniti ed alla fine definirà il tempo di sospensione necessario per il rispetto degli LMR.
Lo studente imparerà a fare ricerca bibliografica e ricerca di libri e/o riviste utilizzando il Portale AIRE, AIREgo, CaPeRe,il Catalogo del Sistema Bibliotecario Padovano e alcuni database per ricerca bibliografica quali: Pubmed, Scopus e Google Scholar.

Inoltre, gli studenti a gruppi di 3-5 persone svolgeranno approfondimenti di argomenti satelliti all'insegnamento e/o argomenti di attualità del settore alimentare, con riferimento alla sicurezza degli alimenti. In particolare,per aumentare la consapevolezza dello studente in merito ai temi declinati nell'Agenda 2030, verrà considerata la gestione del rischio chimico in ambito alimentare correlata all'obiettivo n.3 "Salute e benessere". Tale attività sarà svolta a gruppi per stimolare la dialettica e la condivisione delle specifiche abilità personali
Modalita' di esame: L'esame può essere sostenuto solo se sono stati verbalizzati nel libretto gliinsegnamenti propedeutici.

Esame finale orale articolato in due parti.

Una riguardante la parte di metodologie di controllo il cui superamento è condizione neccessaria per accedere alla seconda parte riguardante Xenobiotici e valutazione del rischio.

La prima parte consta di una domanda orale, gli studenti frequentanti, in alternativa, la possono sostituire con un test disponibile in Moodle alla fine dell'insegnamento. Il test consta di 9 domande a risposta multipla,una sola risposta è esatta,il tempo a disposizione è 10 minuti.

La seconda parte consta di tre domande: una riguardante la parte di principi di tossicologia generale e di tossicocinetica; una riguarderà l'approccio di valutazione del rischio applicato alla presenza di residui di xenobiotici negli alimenti di origine animale; una consisterà nella descrizione delle caratteristiche tossicodinamiche - tossicocinetiche di farmaci autorizzati, non autorizzati o vietati o di contaminanti ambientali, (con particolare attenzione agli aspetti di pericolosità per il consumatore) che possono trovarsi nelle derrate di origine animale.
Criteri di valutazione: Verrà dato rilievo alla capacità di: applicare le conoscenze acquisite nell'ottica della tutela della salute del consumatore; alla proprietà di linguaggio ed alla capacità di effettuare collegamenti trasversali tra gli argomenti.

La valutazione degli argomenti oggetto di approfondimento, svolti mediante attività di gruppo, sarà effettuata alla fine del semestre didattico mediante illustrazione degli stessi da parte degli studenti alla collettività dell'aula e compilazione, da parte della collegialità degli studenti e del docente, di una scheda di giudizio a questionario
Contenuti: Xenobiotici e valutazione del rischio

Introduzione e Obiettivi del corso (16 ore): Natura degli xenobiotici. Specie animali maggiori e minori. Formazione di residui di xenobiotici nei prodotti di origine animale e rischi per il consumatore. Principi di farmacologia generale, principi di farmacocinetica. ADME: assorbimento, distribuzione, metabolismo ed escrezione dei farmaci/xenobiotici. Legame farmaco-proteina.
Principi di tossicologia generale: tossicità acuta, subacuta, subcronica e cronica. Fattori che possono modulare la tossicità di una sostanza. Rischi tossicologici diretti legati alla presenza di residui di xenobiotici negli alimenti di origine animale. Fenomeni tossici a carico di organi o apparati specifici. Manifestazioni allergiche. Effetti cancerogeni. Effetti mutageni. Effetti teratogeni. Rischi tossicologici indiretti: resistenza agli antibiotici.

Valutazione del rischio tossicologico da residui negli alimenti di origine animale (8 ore): Studi tossicologici sperimentali per determinare il NOEL (farmacologico, tossicologico e microbiologico), la dose giornaliera accettabile (TDI o ADI) e i limiti massimi di residuo (LMRs). Studi di “deplezione residuale” nella specie bersaglio per stabilire il tempo di sospensione. Normativa vigente in materia di farmaco veterinario e di residui negli alimenti di origine animale: Regolamento EC 470/2009; Regolamento EC 37/2010; Decreto Legislativo n. 158/2006; Decreto Legislativo 193/2006; Regolamento EC 1881/2006; Regolamento EC n. 1552/2009. Piano Nazionale per la ricerca dei residui (PNR). Natura dei residui da ricercare. Tipi di Piano. Numero di campioni da esaminare. Modalità di prelievo dei campioni. Le metodiche analitiche da utilizzare nei laboratori ufficiali preposti all'esecuzione delle analisi (Istituti Zooprofilattici).

Residui di farmaci in alimenti di origine animale “intenzionali e non” (8 ore). Principi generali di chemioterapia e di resistenza antibatterica. Caratteristiche farmaco-tossicologiche delle sostanze usate a scopo profilattico-terapeutico negli animali in produzione (Antibiotici, Chemioterapici). Gli illeciti: Ormoni naturali e di sintesi. Cortisonici. Tireostatici. Beta-agonisti.

Contaminanti (8 ore): PCB, diossine, micotossine, metalli pesanti (Hg, Cd, Pb), pesticidi, idrocarburi aromatici policiclici, nitrati e nitriti
I residui nel miele.

Metodologie di controllo

Ricerca dei residui (8 ore): Caratteristiche dei metodi analitici e loro validazione. Decisione EC 657/2002. Tipologia delle matrici biologiche. Preparazione e purificazione delle matrici biologiche. Metodi di screening e metodi di conferma. Principi di spettroscopia. Principi di Cromatografia Liquida. Principi di immuno-enzimatica.

Parte pratica (15 ore). Costruzione di una retta di taratura con metodo spettrofotometrico. Metodo enzimatico per la determinazione della diastasi nel miele. Analisi in cromatografia liquida (HPLC) di caffeina. Allestimento di una retta di calibrazione di soluzioni standard di caffeina. Studio di deplezione residuale per la definizione del tempo di sospensione per una preparazione a base di ossitetraciclina.
Laboratorio informatico (1h): Utilizzo fonti bibliografiche e siti web o portali legati alla sicurezza del consumatore. Strumenti per ricerca di libri e riviste scientifiche
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezione in aula.
Attività e-learning disponibile sulla piattaforma Moodle organizzata con video di autoproduzione, video, anche in lingua straniera, selezionati da internet, materiale power point, ecc.
Forum ad ogni laboratorio, finalizzato al supporto, alla discussione e al confronto, non solo tra tutor-studenti, ma anche tra studenti.
Test finale di auto-valutazione dopo ogni sessione moodle.
Test di comprensione finale Moodle su tutte le sessioni svolte.

Esercitazioni pratiche in laboratorio:svolgimento di analisi di laboratorio a gruppi di tre allievi.

La parte pratica viene svolta in laboratorio ove c’è la disponibilità di attrezzature e strumenti di base (micropipette, dosatori, bilance tecnica e analitica, pH-metro, spettrofotometro, HPLC, bagnetto termostatato, PC per elaborazione dati). Durante l’attività pratica vengono svolti anche calcoli applicati alla metodica analitica. Infine, sempre mediante l’utilizzo di modelli matematici (es. retta di regressione) lo studente esprime il risultato ottenuto assieme alla sua interpretazione

Attività di gruppo volta a sviluppare soft skills.
La frequenza dei 2 CFU di didattica in laboratorio è obbligatoria con rilevamento della presenza da parte del docente
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Materiale del corso fornito dal docente: articoli scientifici, file power point, Regolamenti EU, Decisioni Eu, Decreti legislativi, PNR sono disponibili sulla piattaforma: https://syllabus.didattica.unipd.it.
I testi consigliati sono disponibili presso la biblioteca presso la sede di Vicenza
Testi di riferimento:
  • Klassen Curtis D, Casarett and Doull's Toxicology - The basic science of the poisons. --: Mcgraw-Hill Pub, 2007. Cerca nel catalogo
  • Nebbia Carlo (a cura di), Residui di farmaci e contaminanti ambientali nelle produzioni animali. --: EDISES, 2009. Cerca nel catalogo
  • Dugo, Giovanni; Restani, Patrizia; Capuano, Alice, Tossicologia degli alimenti\a cura di! Alice Capuano, Giovanni Dugo, Patrizia Restani. Torino: UTET, --. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Case study
  • Working in group
  • Problem solving
  • Quiz o test a correzione automatica per feedback periodico o per esami
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Peer review tra studenti

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • Kaltura (ripresa del desktop, caricamento di files su MyMedia Unipd)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere