Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Psicologia
PSICOLOGIA COGNITIVA APPLICATA
Insegnamento
PSYCHOLOGY OF MUSIC
PSP5070339, A.A. 2018/19

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
PSICOLOGIA COGNITIVA APPLICATA
PS1978, ordinamento 2017/18, A.A. 2018/19
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese PSYCHOLOGY OF MUSIC
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Psicologia Generale
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MASSIMO GRASSI M-PSI/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Psicologia generale e fisiologica M-PSI/01 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 42 108.0

Calendario
Inizio attività didattiche 25/02/2019
Fine attività didattiche 14/06/2019

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 2018-1 01/10/2018 30/09/2019 GRASSI MASSIMO (Presidente)
BEGLIOMINI CHIARA (Membro Effettivo)
CAMPANA GIANLUCA (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Il corso tratta la psicologia della musica dal punto di vista della psicologia cognitiva. È consigliabile che lo studente abbia chiari i concetti di base di psicologia della percezione, dell'attenzione, della memoria e dell'intelligenza. Inoltre, poiché nel corso vengono illustrati spesso studi quasi sperimentali e correlazionali, è bene che lo studente abbia solide basi metodologiche per comprendere la portata dei risultati illustrati a lezione. Sia per gli aspetti di psicologia generale che per quelli metodologici, un qualunque manuale di psicologia generale dovrebbe essere sufficiente per un ripasso prima dell'inizio del corso qualora lo studente ne senta la necessità.

Esame, lezioni ed ogni materiale del corso saranno esclusivamente in lingua inglese.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso introdurrà lo studente alle più attuali conoscenze della psicologia della musica. Durante il corso, verrà posta quanto più possibile attenzione alle possibili applicazioni delle conoscenze di psicologia della musica nell'ambito della vita quotidiana sia rispetto agli aspetti cognitivi positivi legati all'ascolto della musica (es. miglioramento dell'umore, rilassamento, etc.) sia rispetto agli aspetti cognitivi positivi legati alla pratica musicale (es. benefici sulle capacità mnestiche o nelle abilità spaziali). Verranno forniti allo studente gli strumenti per valutare in modo autonomo la bontà e l'affidabilità dei risultati e la loro trasferibilità.

L'obiettivo del corso è che lo studente riesca ad acquisire le capacità e le conoscenze per utilizzare autonomamente la musica (ascoltata o sotto forma di piccoli training musicali) quale possibile strumento per il miglioramento cognitivo e/o del benessere.
Modalita' di esame: L’esame può essere sostenuto in due modi alternativi. Lo studente può decidere di affrontare l’esame nell’uno o nell’altro modo in qualunque momento.

Opzione 1. Nella Opzione 1 l'esame è scritto e consiste in un questionario di 56 domande (scelta multipla oppure vero/falso). Il tempo per completare il questionario è 50 minuti. Qualora il corso abbia ospitato lezioni di un docente invitato (ad esempio un docente straniero in visita) i materiali presentati dal docente invitato non sono inclusi nel questionario di esame. E' possibile una integrazione orale su richiesta.

Opzione 2. Nella Opzione 2 viene chiesto di condurre la replica diretta di un esperimento di letteratura. La replica potrà essere condotta individualmente oppure in gruppi di studenti (suggerisco non più di cinque partecipanti per gruppo). Gli studenti dovranno contattare il professore per concordare lo studio da replicare ed il modo in cui la replica dovrà essere condotta. Una volta raccolti i dati, lo studnete (o il gruppo di studenti) dovrà scrivere un breve report (massimo 7/8 pagine) che includa i seguenti punti chiave:
[1] la domanda che l’esperimento si pone e quali argomenti e concetti del corso vengono toccati dallo studio;
[2] il metodo sperimentale;
[3] i risultati. I risultati dovranno essere rappresentati via grafici e attraverso tabelle che contengono statistiche descrittive. Tabelle e grafici sono obbligatori. E’ possibile aggiungere ulteriori e più complesse statistiche (es. correlazione, t-test). Queste statistiche però non sono obbligatorie.
[4] una discussione che confronti i risultati con la domanda della ricerca e che confronti i risultati con quelli dell’esperimento originale. Inoltre, si devono evidenziare i limiti dell’esperimento (sia della replica, che dell’esperimento originale) e i suggerimenti per il futuro.
Nella pagina moodle del corso è possibile trovare un modello di report breve che può essere usato per scrivere il report d’esame.
Criteri di valutazione: Opzione 1. Ciascuna domanda del questionario ha solo una sola risposta corretta. Le risposte corrette valgono un punto, quelle non date zero punti e quelle sbagliate meno un terzo di punto. Viene fatta la sommatoria dei punti delle risposte corrette, non date e sbagliate, il punteggio risultante viene moltiplicato per trenta e arrotondato. Se il punteggio risultante è maggiore o uguale a 32 allo studente viene attribuito 30 e lode, nel caso in cui il punteggio sia uguale a 31 allo studente viene attribuito 30 e in tutti gli altri casi il punteggio corrisponde al voto. Dal punteggio 17 in giù l'esame viene valutato insufficiente.

Opzione 2. Almeno una settimana prima dell’esame bisogna spedire il report al professore. Il giorno dell’esame il report viene discusso individualmente in un esame orale. Il voto finale dipenderà dall’esame orale e verrà valutato seguendo i seguenti criteri: complessità/difficoltà dell’esperimento selezionato pesata per il numero di studenti che hanno partecipato alla ricerca. Chiarezza del report scritto. In particolare: integrazione tra i contenuti illustrati nel corso e il contenuto della replica; chiarezza nell’esporre la domanda di ricerca; chiarezza nell’esporre il metodo; chiarezza nell’esporre e rappresentare i risultati; chiarezza e brillantezza nell’esporre la discussione con particolare riguardo al presentare i limiti dell’esperimento, i punti critici della ricerca e i suggerimenti per migliorarlo.
Contenuti: Il corso si articolerà in due momenti. Inizialmente verranno introdotti i fondamenti di musica, acustica, metodologia e fisiologia necessari alla comprensione della materia. Successivamente, verrà affrontata la psicologia della musica. Lo scopo della prima parte, in particolare, è quello di rendere autonomo lo studente nella lettura e comprensione della letteratura di psicologia della musica e della percezione uditiva.

Concetti di base:
- il suono, le onde sonore e cenni di acustica
- il suono in musica, la notazione e la teoria musicale
- i metodi delle ricerche in psicologia della musica
- anatomia e fisiologia del sistema uditivo
- percezione di intensità e soglia assoluta

Concetti e applicazioni della psicologia della musica:
- i training uditivo/musicali nell'ipoacusia
- i training uditivo/musicali nell'afasia
- la psicoacustica dello standard musicale digitale mp3
- musica e cognizione: l'effetto Mozart
- musica e cognizione: musica di sottofondo e cognizione
- musica e cognizione: l'abilità musicale e l'abilità cognitiva
- musica e cognizione: le abilità cognitive di musicisti e nonmusicisti
- altezza tonale: illusioni
- altezza tonale: codifica di toni puri e complessi
- altezza tonale: intervalli musicali armonici e melodici
- altezza tonale: consonanza
- altezza tonale: la rappresentazione dell'altezza tonale
- altezza tonale: amusia
- altezza tonale: orecchio assoluto
- musica come linguaggio universale: la percezione musicale negli infanti
- musica come linguaggio universale: la percezione musicale negli animali
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali (in inglese). Lo studente sarà anche incoraggiato a partecipare all'attività di laboratorio come partecipante in esperimenti di psicologia della musica per toccare con mano alcuni dei concetti discussi a lezione. Il corso fa un largo uso di moodle. Sulla pagina moodle del corso verranno caricati video, esempi musicali, link di interesse per la materia etc. Alcuni degli strumenti e dei test spiegati a lezione (es. PROMS) saranno "provati in classe".
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: I materiali di studio per l'esame sono:
- Deutsch (2013). The psychology of music (third edition). Academic Press. (capitoli 1, 4, 5, 6, 12, 13, 14, 16)
- lucidi presentati a lezione e reperibili sulla pagina moodle del corso
Testi di riferimento:
  • Deutsch, The psychology of music (third edition). London: Academic Press, 2013. Capitoli (chapters) 1, 4, 5, 6, 12, 13, 14, 16 Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Lecturing
  • Laboratory
  • Utilizzo di video disponibili online o realizzati
  • Files e pagine caricati online (pagine web, Moodle, ...)

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)
  • Matlab

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Istruzione di qualita'