Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO
Insegnamento
ESTETICA
LE13102722, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2018/19

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (Ord. 2018)
LE0606, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese AESTHETICS
Sito della struttura didattica http://www.beniculturali.unipd.it/www/homepage/
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MARCELLO GHILARDI M-FIL/04

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso di studio
LE13102722 ESTETICA MARCELLO GHILARDI LE0599

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Discipline critiche, semiologiche e socio-antropologoche M-FIL/04 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
3 commissione a.a.2018-2019 01/10/2018 30/11/2019 GHILARDI MARCELLO (Presidente)
GURISATTI GIOVANNI (Membro Effettivo)
TOMASI GABRIELE (Membro Effettivo)
GIACOMELLI ALBERTO (Supplente)
MAGNO EMANUELA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Il Corso di Studio non prevede propedeuticità. Non è richiesta alcuna conoscenza pregressa.
Conoscenze e abilita' da acquisire: a) conoscenza del contenuto delle opere in oggetto;
b) acquisizione del lessico specifico e delle strutture argomentative delle opere esaminate;
c) sviluppo di capacità argomentative e di analisi critica di testi e tesi filosofiche;
d) capacità di confronto interculturale tra orizzonti linguistici e tradizioni di pensiero differenti.
Modalita' di esame: L'esame si svolgerà in forma orale con discussione di una o più delle tematiche affrontate durante le lezioni e dei contenuti presenti nei testi indicati in bibliografia. La durata massima del colloquio è di circa 30 minuti, con domande aperte oltre ad analisi e commento dei testi stessi. Non sono previste prove in itinere.
Criteri di valutazione: Il voto finale risulterà dalla valutazione della prova orale e sarà determinato dai seguenti parametri:
a) livello di acquisizione delle conoscenze degli argomenti trattati nel corso e dei metodi proposti
b) organizzazione e assimilazione personale dei contenuti proposti
c) capacità di sviluppare un argomentato punto di vista personale sui contenuti
d) appropriatezza del lessico, correttezza sintattico-grammaticale nell'esposizione, corretta pronuncia dei termini in lingue classiche o straniere
e) rigore nell’analisi, spiegazione e interpretazione dei testi filosofici, abilità logico-argomentative
Contenuti: TITOLO DEL CORSO: Arte, sacro, esistenza
Gli argomenti trattati saranno i seguenti:
- Introduzione alla disciplina dell'estetica, ai significati e alla storia del termine; breve percorso storico-filosofico relativo ai temi e ai problemi dell'estetica (anche ante litteram);
- Il rapporto tra esperienza artistica, esperienza del sacro e senso dell'esistenza in alcuni momenti significativi del pensiero europeo tra Otto e Novecento;
- Problematicità e significato di una "estetica" giapponese;
- L'esperienza dell'arte e del sacro nel contesto del pensiero giapponese tradizionale e moderno.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lettura, analisi, commento e discussione dei testi filosofici e poetici; visione e commento di immagini. La frequenza delle lezioni, benché auspicabile anche per il richiamo a lingue straniere, europee ed extra-europee, non è obbligatoria.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Gli studenti che portano l'esame da 9 CFU sono tenuti a portare come materiale di esame: il manuale di storia dell'estetica (limitatamente ai paragrafi indicati); due testi a scelta (su tre) tra quelli di Nietzsche, Heidegger e Florenskij; i due testi indicati negli ultimi due punti (Tollini e Jullien). Chi porterà l'esame da 6 CFU sarà tenuto a portare all'esame il manuale di storia dell'estetica (limitatamente ai paragrafi indicati), un testo (su tre) relativamente alla parte occidentale e un testo (su due) relativamente alla parte orientale.
Eventuali altri testi, per ulteriori approfondimenti (ma esclusi dal materiale d'esame), saranno comunicati nel corso delle lezioni. Non vi sono variazioni di programma per i non frequentanti.
Testi di riferimento:
  • Desideri, Fabrizio; Cantelli, Chiara, Storia dell'estetica occidentale. Roma: Carocci, 2012. parr. 1.1, 1.2, 1.5, 1.6, 1.8, 2.1, 3.2, 3.3, 4.1, 5.1, 5.3, 5.5, 5.6, 6.3, 6.4, 6.9, 7.1, 7.6, 7.8, 7.13 Cerca nel catalogo
  • Nietzsche, Friedrich, La nascita della tragedia. Milano: Adelphi, --. Cerca nel catalogo
  • Heidegger, Martin; Chiodi, Pietro, Sentieri interrotti. Scandicci: La nuova Italia, 1984. cap. "L'origine dell'opera d'arte" Cerca nel catalogo
  • Florenskij, Pavel Aleksandrovič, Le porte regali. Saggio sull'icona. Venezia: Marsilio, 2018. Cerca nel catalogo
  • Jullien, François, Il gioco dell'esistenza. Torino: Feltrinelli, 2019.
  • Tollini, Aldo, L'ideale della via. Samurai, monaci e poeti nel Giappone medievale. Torino: Einaudi, 2017. Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)

Obiettivi Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile
Salute e Benessere Istruzione di qualita' Uguaglianza di genere