Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
HUMAN RIGHTS AND MULTI-LEVEL GOVERNANCE
Insegnamento
HUMAN RIGHTS POLITICAL ANALYSIS (MOD. B)
EPP9085739, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
HUMAN RIGHTS AND MULTI-LEVEL GOVERNANCE
EP1980, ordinamento 2013/14, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese HUMAN RIGHTS POLITICAL ANALYSIS (MOD. B)
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
Sito E-Learning https://elearning.unipd.it/spgi/course/view.php?idnumber=2019-EP1980-000ZZ-2019-EPP9085739-N0
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione INGLESE
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile PETRA ROTER

Corso integrato di appartenenza
Codice Insegnamento Responsabile
EPP9085738 HUMAN RIGHTS GOVERNANCE (C.I.) PIETRO DE PERINI

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE politologico SPS/04 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 45 105.0

Calendario
Inizio attività didattiche 23/09/2019
Fine attività didattiche 18/01/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2013

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus

Caratteristiche comuni al Corso Integrato

Prerequisiti: Conoscenza dei fondamenti metodologici e sostanziali delle relazioni internazionali e dell'organizzazione internazionale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: 1) familiarizzare con una serie di concetti delle attuali Relazioni Internazionali e la loro interazione con i principi e gli standard dei diritti umani;
2) approfondire la conoscenza del ruolo e dell'influenza dei diritti umani nella politica internazionale contemporanea
3) valutare le pratiche della multi-level governance, le organizzazioni internazionali e regionali, e le politiche internazionali che sono rilevanti per comprendere le attuali sfide del mondo multipolare in vista di un approccio basato sui diritti umani.
4) valutare le sfide contemporanee al multilateralismo a diversi livelli di governance e il loro impatto per il funzionamento di un regime multi-livello per la protezione dei diritti umani, sia diritti umani in senso generale, sia i diritti umani dei singoli soggetti (ad esempio delle persone che appartengono a minoranza nazionali, etniche, religiose e linguistiche);
5) applicare le conoscenze teoriche e le competenze orientate alla pratica al processo decisionale.
Modalita' di esame: Il corso integrato (12 ECT) propone un voto complessivo, composto da due parti, che riflettono il modulo A su "Human Rights in International Politics" e il modulo B su "Human Rights Political Analysis". Ogni parte consiste in una combinazione di elaborati scritti e presentazioni orali come indicato nel Sillabo di ciascun modulo, che sono valutate separatamente. Il voto finale del corso sarà la media aritmetica dei voti di ciascuna parte.
Criteri di valutazione: Lo studente dovrà dimostrare una buona padronanza degli argomenti trattati durante il corso, capacità di analizzare e affrontare in modo critico le questioni che riguardano il concetto di Multi-level Governance e le sue applicazioni pratiche, nonché competenze pragmatiche orientate alla definizione delle politiche nel contesto internazionale ed europeo, con particolare attenzione al paradigma dei diritti umani, dimostrando competenza linguistica e la capacità di sostenere un'argomentazione critica, e utilizzando il vocabolario specifico dell'organizzazione internazionale e dei diritti umani.

Caratteristiche proprie del modulo

Contenuti: Questo modulo analizza i processi politici a più livelli legati alla gestione della diversità nella comunità internazionale. Cerca di affrontare gli approcci prevalenti nella comunità internazionale, come stabilito in periodi diversi, per affrontare il problema delle minoranze nazionali o etniche, religiose e linguistiche e i diritti delle persone che le appartengono. Studierà i dibattiti che circondano questi processi, i loro risultati (in termini di approcci concordati a livello internazionale per la gestione della diversità), l'implementazione delle norme e dei principi concordati e i principali ostacoli sulla strada per gestire la diversità in un modo che porta al desiderato risultati: rispetto dei diritti umani, compresi i diritti delle minoranze, conservazione della pace e della stabilità e formazione di diverse società integrate. In questo contesto, il quadro istituzionale delle organizzazioni internazionali, nonché i ruoli di altri attori internazionali (stati, minoranze, persone appartenenti a loro, ONG, esperti indipendenti e altri) saranno analizzati in periodi diversi, con particolare attenzione al presente regime multilivello per la protezione delle minoranze nazionali (comprese le minoranze etniche, religiose e linguistiche) e il funzionamento pratico del regime.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: lezioni frontali, seminari, seminari di ricerca
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: - Roter, Petra. 2001. Locating the “minority problem” in Europe: a historical perspective. Journal of International Relations and Development 4(3), 221–249.
- Preece, Jennifer Jackson. 1997. Minority Rights in Europe: From Westphalia to Helsinki. Review of International Studies, 23(1), 75–92.
- Roter, Petra. 2003. Managing the "minority problem" in Post-Cold War Europe within the framework of a multilayered regime for the protection of national minorities. European Yearbook of Minority Issues 1(2001/2), 85–129.
- Patrick Thornberry. 1991 (2001). International Law and the Rights of Minorities. Oxford: Oxford University Press and Clarendon Press. (chapters 14–22).
- International Covenant on Civil and Political Rights (1966/76).
- General Comment No. 23: The rights of minorities (Art. 27): 8/4/94, CCPR/C/21/Rev.1/Add.5; available at https://www.refworld.org/docid/453883fc0.html. This needs to be read together with Article 27 of the International Covenant on Civil and Political Rights (1966/1976).
- Declaration on the Rights of Persons Belonging to National or Ethnic, Religious and Linguistic Minorities, General Assembly Resolution 47/135 (Aneks), 18 December 1992, 32 ILM 911 (1993); available at https://www.ohchr.org/en/professionalinterest/pages/minorities.aspx.
- Petra Roter and Brigitta Busch. 2018. Language rights in the work of the advisory committee. In I. Ulasiuk, L. Hadirca and W. Romans (eds.). Language policy and conflict prevention. Leiden/Boston: Brill Nijhoff, pp. 155–181.
- Council of Europe’s Framework Convention for the Protection of National Minorities. 1995/98. The text of the convention with the explanatory note available here: https://www.coe.int/en/web/minorities/text-of-the-convention.
- Third Thematic Commentary of the Advisory Committee. 2012. The Language Rights of Persons Belonging to National Minorities under the Framework Convention; available at https://rm.coe.int/CoERMPublicCommonSearchServices/DisplayDCTMContent?documentId=09000016800c108d.
Brubaker, Rogers. 1995. National Minorities, Nationalizing States, and External National Homelands in the New Europe. Daedalus 124(2), 107–132.
OSCE HCNM Bolzano/Bozen Recommendations on National Minorities in Inter-State Relations. 2008. Available at: https://www.osce.org/hcnm/bolzano-bozen-recommendations.
OSCE HCNM Ljubljana Guidelines on Integration of Diverse Societies. 2012. Available here:
https://www.osce.org/hcnm/ljubljana-guidelines.
Testi di riferimento: