Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Ingegneria
INGEGNERIA MECCATRONICA
Insegnamento
MECCANICA DEI COMPONENTI
IN01122611, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
INGEGNERIA MECCATRONICA
IN0529, ordinamento 2011/12, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 6.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ADVANCED DESIGN OF MECHANICAL COMPONENTS
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali (DTG)
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede VICENZA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile MICHELE ZAPPALORTO ING-IND/14

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
AFFINE/INTEGRATIVA Attività formative affini o integrative ING-IND/14 6.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Secondo semestre
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 6.0 48 102.0

Calendario
Inizio attività didattiche 02/03/2020
Fine attività didattiche 12/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2011

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
10 2018 01/10/2018 15/03/2020 ZAPPALORTO MICHELE (Presidente)
MARAGONI LUCIO (Membro Effettivo)
CARRARO PAOLO ANDREA (Supplente)

Syllabus
Prerequisiti: Per il proficuo raggiungimento degli obiettivi prefissati sono richieste conoscenze di base relative alla progettazione meccanica strutturale (quali la teoria della trave, criteri di resistenza statica e di verifica a fatica di componenti meccanici). Sono inoltre richieste le conoscenze di base di Analisi Matematica (risoluzione di equazioni differenziali ordinarie e integrazione)
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso si propone di fornire agli studenti delle conoscenze su alcuni aspetti avanzati della progettazione meccanica strutturale. In particolare:

1. Metodo agli elementi finiti in statica e dinamica. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti gli elementi teorici del metodo, oltre che fornire le basi per l'utilizzo pratico di un codice di calcolo agli elementi finiti commerciale (Ansys).

2. Progettazione statica e a fatica di unioni saldate. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti le conoscenze necessarie per effettuare verifiche statiche e a fatica di collegamenti saldati secondo le normativi tecniche vigenti e di fornire una panoramica delle principali lavorazioni meccaniche utilizzate nella realizzazione delle unioni saldate (cianfrinatura, brasatura, saldatura ad arco).

3. Progettazione statica di unioni bullonate. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti le conoscenze necessarie per effettuare verifiche statiche e a fatica di collegamenti bullonati secondo le normativi tecniche vigenti e di fornire una panoramica delle principali lavorazioni meccaniche utilizzate nella realizzazione delle unioni bullonate (sabbiatura, spazzolatura, pallinatura)

4. Problemi dinamici: velocità critiche flessionali. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti degli strumenti di calcolo per determinare le velocità critiche flessione degli alberi di trasmissione.

5. Carico critico Euleriano e verifiche a instabilità. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti le nozioni teoriche sul tema della verifica ad instabilità di organi meccanici, per poi fornire strumenti progettuali affidabili ed efficaci, con una particolare attenzione anche agli approcci suggeriti dalle normative tecniche.

6. Recipienti in pressione. L'obiettivo è quello di fornire agli studenti degli strumenti progettuali affidabili per il dimensionamento e la verifica di recipienti in pressione e dischi rotanti.
Modalita' di esame: La verifica delle conoscenze e delle abilità attese viene effettuata con una prova d’esame scritta strutturata in due parti:

- 2 o 3 esercizi applicativi (per un punteggio complessivo di 10 punti su 30)
- 5 domande aperte di teoria (per un punteggio complessivo di 20 punti su 30).

L'esame orale è facoltativo e possibile solo per votazioni superiori a 25. Esso è strutturato come un colloquio orale con il docente e prevede 2 o 3 domande aperte di teoria.
Criteri di valutazione: I criteri di valutazione con cui verrà effettuata la verifica delle conoscenze e delle abilità acquisite sono:

- Completezza delle conoscenze teoriche acquisite sugli argomenti del corso
- Capacità nell'applicare le conoscenze teoriche al calcolo strutturale di elementi meccanici (quali particolari saldati e bullonati di comune utilizzo, masse volaniche, serbatoi ecc.)
- Capacità espositive e rigorosità nella trattazione ed esposizione delle tematiche.
Contenuti: I contenuti specifici del corso si possono riassumere nei seguenti punti:

1. Metodo agli elementi finiti: Introduzione al metodo, matrici di rigidezza di aste e travi nei sistemi di riferimento locali e globali, assemblaggio della matrici di rigidezza, matrici di rigidezza per elementi solidi, modi di vibrare di struttuere e piastre. Esempi applicativi con analisi agli elementi finiti di alcuni componenti meccanici (piastra forata, alberi di trasmissione, telai piani, strutture tridimensionali)

2. Progettazione statica e a fatica di unioni saldate: Classificazione dei cordoni di saldatura, criteri di verifica statica per giunti a piena penetrazione e cordone d'angolo, esempi applicativi. Classi per la progettazione a fatica di giunzioni saldate e curve di fatica associate. Metodo del delta sigma equivalente e del serbatoio. Cenni alle principali lavorazioni meccaniche eseguite nelle unioni saldate.

3. Progettazione statica di unioni bullonate: Classificazione delle unioni bullonate e criteri di verifica per bulloni normali e ad alta resistenza. Cenni alle principali lavorazioni meccaniche seguite nelle unioni bullonate (sabbiatura, spazzolatura, pallinatura).

4. Velocità critiche flessionali negli alberi: Inquadramento teorico del problema e metodi di calcolo (metodo della traccia, Metodo di Durkerley). Esempi applicativi.

5. Instabilità elastica. Trattazione classica di Eulero. Aspetti applicativi e competizione tra analisi di instabilità ed analisi di resistenza. Cenni normativi ed esempi applicativi.

6. Progetto di recipienti in pressione a parete sottile e spessa: Teoria delle membrane e dei gusci spessi. Esempi di calcolo strutturale su particolari meccanici comuni (serbatoi, masse volaniche, dischi turbina ecc.)
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il Corso è articolato nelle seguenti attività:

- Lezioni frontali in aula di teoria
- Lezioni frontali in aula di esercizi, con esempi di calcolo applicativi
- Esercitazioni in laboratorio di informatica per lo svolgimento di esercizi numerici con l’ausilio di un codice numerico commerciale (ANSYS).
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Il materiale didattico fondamentale è costituito da:

- una dispensa fornita dal docente, comprensiva di tutti gli argomenti di teoria trattati ed i relativi esercizi per la preparazione dell’esame. La dispensa è disponibile in una copisteria adiacente alla sede universitaria

- Esercizi pratici svolti e temi d’esame svolti (con soluzione) messi a disposizione degli studenti nella piattaforma moodle.

- Ulteriore materiale di approfondimento (quale tecnici e scientifici ecc..) ) messi a disposizione degli studenti nella piattaforma moodle.
Testi di riferimento:
  • Bruno Atzori, Appunti di costruzione di macchine. Padova: Cortina, 2011. Per consultazione Cerca nel catalogo
  • Bruno Atzori, Moderni metodi e procedimenti di calcolo nella progettazione meccanica. Bari: Laterza, 1979. Per consultazione Cerca nel catalogo
  • Norman DOWLING, Mechanical behavior of materials : Engin eering methods for deformation, fracture & fatigue, (4rd Ed.). --: Prentice Hall, 2012. Per consultazione Cerca nel catalogo
  • G. Ballio, F.M. Mazzolani, Strutture in acciaio, 3 edizione. --: . Hoepli, 1988. Per consultazione Cerca nel catalogo

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Kaltura (ripresa del desktop, caricamento di files su MyMedia Unipd)
  • Codice FEM Ansys