Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Scienze umane, sociali e del patrimonio culturale
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
Insegnamento
LABORATORIO DI ARCHEOLOGIA SPERIMENTALE 2 (LASERT 2)
SUP9088579, A.A. 2019/20

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2019/20

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea magistrale in
SCIENZE ARCHEOLOGICHE
LE0616, ordinamento 2018/19, A.A. 2019/20
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 3.0
Tipo di valutazione Giudizio
Denominazione inglese EXPERIMENTAL ARCHAEOLOGY WORKSHOP 2 (LASERT 2)
Dipartimento di riferimento Dipartimento dei Beni Culturali: Archeologia, Storia dell'Arte, del Cinema e della Musica (DBC)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo NON è possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta Insegnamento riservato SOLO agli iscritti al corso di SCIENZE ARCHEOLOGICHE

Docenti
Responsabile IVANA ANGELINI GEO/09

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
ALTRO Altre conoscenze utili per l'inserimento nel mondo del lavoro -- 3.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Annuale
Anno di corso I Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LABORATORIO 3.0 24 51.0

Calendario
Inizio attività didattiche 30/09/2019
Fine attività didattiche 20/06/2020
Visualizza il calendario delle lezioni Lezioni 2019/20 Ord.2018

Syllabus
Prerequisiti: Si richiede ai partecipante un interesse per la cultura materiale, in particolare per lo studio degli aspetti archeologici, tecnici ed analitici legati alla produzione e lavorazione dei materiali. Seppure non vi sia nessun obbligo, sarebbero utili la frequenza ai corsi di Georisorse per i Beni Culturali e Archeometria della Prof. I. Angelini e di Archeologia dei Processi Produttivi del Prof. M. Vidale.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Questo laboratorio di Archeologia Sperimentale, così come il LASERT 1, intende avvicinare gli studenti agli aspetti pratici della produzione dei materiali, ampliando la sperimentazione su tematiche e materiali differenti rispetto a quanto fatto nell’1. Gli studenti avranno la possibilità di vedere a livello pratico, ma con gli aspetti teorici sempre illustrati prima e nel corso della sperimentazione, le trasformazioni subite dalle materie prime, le problematiche relative a tali trasformazioni per sperimentare le difficoltà e le potenzialità dei processi produttivi e di lavorazione dei diversi materiali. I partecipanti potranno interagire con docenti ed esperti qualificati nel corso al fine di acquisire le capacità pratiche e le conoscenze fondamentali che permettano una reale e più profonda comprensione dei materiali trattati.
Modalita' di esame: Saranno valutate la capacità di interazione nel corso delle sperimentazione e, con colloqui a fine corso, la comprensione di quanto sperimentato.
Criteri di valutazione: Saranno valutate le capacità di problem solving acquisite dallo studente nell’affrontare le difficoltà sperimentali, oltre allo sviluppo di una capacità critica nel valutare l’andamento degli esperimenti e del risultato delle lavorazioni svolte.
Contenuti: Per il corso dell’A.A. 2019-2020 si affronteranno prove sperimentali relative allo studio di processi metallurgici primari e secondari del rame e del bronzo. Ci si concentrerà quindi sull’ottenimento di rame metallico da minerali secondari (ossidi/carbonati) e sul processo di stampo e lavorazione del bronzo, in particolare con prove di conio. Inoltre verranno discusse le modalità di indagine (senza entrare nei dettagli delle tecniche analitiche) che possono essere utilizzate sui prodotti finiti e sugli scarti di produzione/lavorazione per indagare i processi stessi. Si illustreranno cioè i “markers” dei processi di produzione/lavorazione sperimentati per poterli poi riconoscere, anche con opportuni mezzi di analisi, nei materiali archeologici.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Il Laboratorio prevede prove sperimentali e presentazioni degli aspetti teorici e pratici delle prove stesse, che saranno svolti presso i Laboratori di Ponte di Brenta, dove verranno trasportate le materie prime. La prima parte prevede un’introduzione teorica sulle tecniche di estrazione del rame dai suoi minerali, per poi svolgere prove sperimentali di riduzione di malachite per l’ottenimento di rame metallico. Saranno poi presentate le problematiche relative alla fusione del bronzo e alla sua colatura in stampi, discutendo dei processi necessari per lo stampo di armi, statue e altri oggetti: tipi di stampi utilizzati, tecniche di fusione a cera persa con processo diretto ed indiretto e processi di conio. Su questi ultimi si concentreranno le prove sperimentali di colatura e lavorazione del bronzo. Le attività saranno svolte sotto la guida del docente e di altri esperti di sperimentazione invitati specificamente per il laboratorio.
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Saranno fornite una serie di presentazioni (ppt o pdf) che illustrino le attività pratiche e le basi su cui si impostano. Si utilizzeranno anche materiali da altre sperimentazioni o esempi di materiali archeologici relativi ai processi produttivi in esami, al fine di facilitare la comprensione delle tematiche affrontate.
Testi di riferimento:

Didattica innovativa: Strategie di insegnamento e apprendimento previste
  • Interactive lecturing
  • Working in group
  • Problem solving
  • Sperimentazione

Didattica innovativa: Software o applicazioni utilizzati
  • Moodle (files, quiz, workshop, ...)